ILSOLE24ORE.COM > Notizie Mondo ARCHIVIO

Turchia, carta bianca ai militari contro il Pkk curdo. Monito ad Ankara di Bush

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
17 ottobre 2007


Il Parlamento turco ha approvato la mozione con cui si concede ai militari turchi carta bianca per un anno per attuare, se e quando lo riterranno necessario, un'operazione in Nord Iraq finalizzata solo a liquidare i campi di montagna da cui muovono i ribelli curdi turchi del Pkk per compiere attacchi armati in Turchia.
La mozione è stata approvata con 507 voti su 526 deputati presenti nel Parlamento di Ankara, che conta in totale 550 seggi. Hanno votato contro solo 19 deputati del partito nazionalista curdo Dtp. Nessuno dei deputati presenti si è astenuto.
Gli osservatori commentano questa maggioranza plebiscitaria come «storica», dato che solo ai tempi del padre fondatore della Repubblica turca, Kemal Ataturk, si possono trovare precedenti di voti parlamentari quasi unanimi, come quello registrato oggi. La stragrande maggioranza della popolazione e tutte le forze politiche turche, con l'eccezione del Dtp, sono infatti schierate a fianco del governo sulla necessità di fare qualcosa per fermare lo stillicidio quasi quotidiano di giovani vite di soldati turchi, a causa delle azioni armate dei ribelli curdi del Pkk. Dagli inizi dell'anno sono stati 130 i soldati turchi, spesso giovani di leva meno che ventenni, uccisi, di cui 15 nella sola giornata del 7 ottobre scorso. Quest'ultimo attacco del Pkk (partito dei lavoratori del Kurdistan, considerato terrorista anche dall'Ue e dagli Usa) ha provocato un'intensa emozione nel Paese e la decisione del governo di chiedere al Parlamento di approvare la mozione, passata oggi e invocata da tempo dai militari turchi.
Intanto da Washington Bush ha aspramente criticato la decisione di Ankara:
«Non è nell'interesse della Turchia mandare truppe nel nord dell'Iraq per un'incursione militare contro i terroristi del Pkk».

«Il Congresso non dovrebbe cercare di occuparsi della storia del'Impero Ottomano- ha continuato- ha meglio da fare che mettersi in contrapposizione con un alleato democratico nel mondo musulmano, e in particolare un alleato che fornisce sostegno vitale ogni giorno alle nostre forze armate in paesi come l'Iraq».

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
8 maggio 2010
8 maggio 2010
 
Scene dal Pacifico
La storia per immagini dei magazzini Harrods
Il giorno del mistero a Wall Street
Elezioni inglesi / Chi ha fatto centro? La vignetta di Stephff
Election day
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-