ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

Pubblicità, il web supera le affissioni

di Marika Gervasio

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
16 febbraio 2007

Diventa sempre più forte l'appeal di internet nei confronti degli investitori pubblicitari. Secondo le ultime rilevazioni di Nielsen Media Research, infatti, dopo aver eroso quote di mercato al cinema ( che nel 2006 ha raggiunto una raccolta poco superiore ai 76 milioni di euro), la pubblicità online, con 197,6 milioni l'anno scorso e una crescita boom del 44,2%,ha superato,per la prima volta,anche le affissioni ferme a quota 196,9 milioni (dal dato è esclusa la raccolta di pubblicità sui mezzi pubblici e nei grandi impianti che comunque rappresenta una fetta importante del comparto).

Un trend di crescita,quello degli investimenti sul web, che ha pesato positivamente sull'aumento generale del mercato pubblicitario dell'anno scorso che si è chiuso con una raccolta totale netta di oltre 8,7 miliardi di euro, il 2,6% in più rispetto al 2005. La variazione dicembre 2006 su dicembre 2005, è del +0,3 per cento. Dopo internet, gli incrementi maggiori sono stati registrati dalla radio (+7,8% con una raccolta di 440,7 milioni). Parte della crescita è da imputare all'ingresso da gennaio 2006, nelle rilevazioni di Nielsen, di Italia5.
Se si considera, infatti, il mercato a parità di emittenti, la crescita è del +2,8 per cento. Seguono periodici (+6%, e investimenti di 1,3 miliardi), quotidiani (+1,7%,1,8 miliardi) e televisione (+0,8%,4,7 miliardi).In calo,seppur lieve, invece, le affissioni (0,9%); mentre continua il momento negativo del cinema che registra una flessione più pesante dell'8,2 per cento.
Quanto ai settori, si registra un andamento positivo di alimentari (+0,9%), automobili (+5,2%) e bevande-alcolici (+1,2%). Le telecomunicazioni si mantengono invece su livelli di spesa leggermente inferiori al 2005 (0,5%), mentre media editoria diminuisce del 7,7 per cento.
I big spender dell'anno sono stati, invece: Ferrero, Unilever, Vodafone, Wind, Barilla, P&G, Fiat Divisione Fiat Auto, Telecom Italia Mobile, L'Oréal Saipo e Autogerma.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-