ILSOLE24ORE.COM > Notizie Economia e Lavoro ARCHIVIO

Tremonti: unici a rivedere il fisco

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
Mercoledí 05 Maggio 2010

ROMA
«L'Italia è l'unico paese che si pone l'obiettivo della riforma fiscale. Sarà una riforma ampia, strutturale e capace di portarci nella modernità della globalizzazione». Lo ha detto ieri il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. A questo primato il numero uno di via XX Settembre tiene particolarmente: sulle riforme strutturali l'Italia è abituata ad essere additata per i suoi ritardi. Nel caso del fisco, come del resto è accaduto già per la riforma del sistema pensionistico, l'Italia intende portarsi avanti agli altri. «Confermo l'obiettivo di varare una riforma fiscale e visto che è un passaggio fondamentale chiederemo il supporto della Commissione europea, del Fondo monetario internazionale e dell'Ocse. Avremo - ha detto Tremonti in occasione della presentazione ieri del rapporto Ocse sulla riforma della regolamentazione in Italia - un grande dibattito, non solo domestico, ma anche internazionale». Il percorso sarà comunque «difficile e proprio perché è ambizioso bisognerà essere prudenti».
Tremonti in più occasioni in passato ha ribadito la necessità di riformare un sistema fiscale concepito negli anni '60 e messo in legge negli anni '70, per allinearlo ai cambiamenti della struttura sociale, economica e industriale del paese. Ma ha anche detto che occorrerà essere prudenti. «La prudenza è conoscenza», ha sottolineato ieri, spiegando perché il dibattito sulla riforma non potrà essere solo domestico ma «quanto più ampio e internazionale» possibile. L'Italia consulterà dunque una vasta gamma di esperti che potranno valutare l'impatto delle modifiche con le simulazioni e con le loro esperienze. «È molto meglio discutere e avere le informazioni prima che dopo», ha aggiunto il ministro.
Resta il fatto che per Tremonti dopo la crisi la via politica «è quella giusta, è la strada maestra» per scrivere nuove regole, per dettare le linee guida per «il mondo dopo la crisi». «La via politica è quella che stiamo discutendo ora perché i valori dell'integrità, della trasparenza, della proprietà ci devono essere», ha detto, riferendosi ai lavori in corso all'Ocse per la definizione del Global legal standard. La strada dei tecnici, che dopo la crisi si sono concentrati sullo studio di nuove regole per prestiti mezzanine, Basilea 3, ratios patrimoniali, in realtà per Tremonti ha solo «creato illusioni», non sono state introdotte nuove norme e quindi si sono avuti «effetti negativi» a causa di queste illusioni, anche se i tecnici hanno operato «in buona fede», per il ministro questa straada «non è servita a molto». Un primo testo dei global legal standards, promossi e voluti dall'Italia, verrà presentato e discusso alla ministeriale Ocse presieduta dall'Italia che si terrà a Parigi il 27-28 maggio: per Tremonti l'Ocse «è lo strumento perfettamente adeguato alla complessità dei nostri tempi», perché «ha la capacità di combinare saperi diversi, economici e giuridici in una logica istituzionale».
L'eccesso delle regole tuttavia è altrettanto dannoso. «Se le regole sono fondamentali aiutano lo sviluppo, se vanno oltre e sono eccessive sono un ostacolo allo sviluppo». Lo ha dichiarato Tremonti, presentando, insieme al segretario generale dell'Ocse, Angel Gurria, il rapporto sull'Italia. «I paesi non fortunati lottano perchè hanno un difetto di cibo mentre i paesi più fortunati lottano contro l?eccesso di regole. Questi paesi ora hanno un problema di crescita dell'economia mentre i paesi più opulenti hanno come obiettivo quello di ridurre le leggi».
I. B.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledí 05 Maggio 2010
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 maggio 2010
6 aprile 2010
6 maggio 2010
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-