Speciali in evidenza
Speciale Smau
Speciale ambiente
Speciale scuola
Speciale Auto
Un anno di rincari
Speciale mutui
Voli low cost
Speciale ETF
Studi di settore
Risparmio energetico
Auto & fisco
Navigatori GPS
Musica Mp3
Guida alle facoltà
Come risparmiare
XV Legislatura
shopping 24

Servizi

Il Sole Mobile

Servizi Ricerca

Finanza e mercati

ARCHIVIO »

17 ottobre 2005

Aisoftware e Abaco: fusione completata

di Nicola Di Molfetta

Operazione completata.

La milanese Aisoftware spa e la pugliese (di Molfetta) Abaco information services hanno siglato l’atto di fusione e da oggi sono un’unica entità. Si tratta del passo decisivo che consentirà alla Abaco di sbarcare in Piazza Affari dove la Ais è quotata.
Come previsto dal progetto, contestualmente alla registrazione dell’atto di fusione tra Ais e Abaco, saranno emesse 18.430.000 azioni del valore nominale di 0,52 euro cadauna per un controvalore di 9.583.600 euro destinate ad Abaco Software Consulting. Tale emissione, informa una nota, determinerà una nuova composizione dell’azionariato di Ais, che vedrà Abaco al 54,32%, Francesco Gardin (fondatore di Ais) all’8%, mentre il flottante sarà pari al 37,68%.
Contemporaneamente si è completata anche la fusione interna di Aisoftware Medical Solutions ed Eta Beta in Aisoftware, già approvata dalle rispettive assemblee (il 3 agosto e 29 luglio scorsi).
Il mercato ha dato una risposta positiva alla notizia. Il titolo Aisoftware, alla fine delle contrattazioni di oggi, ha chiuso a 1,172 euro segnando un +1,83% rispetto al valore di inizio giornata.
Il Gruppo che nasce dall’aggregazione di queste due società è formato da circa 650 addetti, con un valore della produzione previsto per il 2005 di circa 50 milioni e un Mol positivo di circa 6 milioni. Riguardo l’utile, fonti interne, fanno sapere che è difficile fare previsioni a causa della conversione dei bilanci dai vecchi principi agli Ias. Tuttavia, pare che il pareggio o un lieve risultato positivo possano considerarsi un obiettivo ambizioso e allo stesso tempo raggiungibile.
Gli accordi prevedevano che Abaco al momento del perfezionamento della fusione producesse anche evidenza della disponibilità di adeguati mezzi finanziari (6 milioni) per sostenere il piano industriale congiunto. Abaco, secondo quanto risulta a Il Sole 20 Ore.com, ha ottenuto le risorse necessarie grazie all’appoggio di alcuni istituti di credito (Unicredit, Monte dei Paschi e San Paolo).
«Abbiamo obiettivi ambiziosi ma realizzabili, come ci ha già dimostrato la nostra storia - dichiara Domenico Favuzzi, amministratore delegato del nuovo gruppo - e per questo motivo stiamo approntando un piano industriale adeguato, che preveda tutte le risorse necessarie a renderci sempre più innovativi e competitivi. Un progetto, le cui linee guida presenteremo alla business community e agli osservatori nel giro di poche settimane».
Il baricentro di Ais, dunque, si sposta a Sud. È l’epilogo di una storia imprenditoriale difficile (tra il 2003 e il 2005 Ais ha fatto ricorso a tre aumenti di capitale), così riassunta nell’ultimo bilancio: 21,077 milioni di ricavi (-16% sul 2003), un Ebitda di 64mila euro (+102%) e una posizione finanziaria netta negativa di 6,773 milioni (migliorata del 36% rispetto all’anno precedente). Poco brillante, appare anche la storia del titolo Aisoftw@re in Borsa. Rispetto al prezzo (rettificato) di collocamento che fu, nell’agosto 2000, di 12,3 euro, oggi il titolo Aisoftw@re vale 1,14 euro.
La Ais ha patito la crisi del settore It successiva al 2001, ma già dall’anno scorso ha avviato un piano di risanamento che ha cominciato a dare i suoi frutti. Il ciclo negativo sembra esaurito e la fusione con Abaco (che ha registrato una crescita ininterrotta del suo giro d’affari dal 2001 e ha chiuso il 2004 a 17,5 milioni con un utile di 1,2 milioni) dovrebbe dare un impulso positivo alla crescita.



 

Suggerimenti

>Info quotazioni

A richiesta, via sms, la quotazione istantanea e in tempo reale del titolo che ti interessa

>Flash news

Scarica il programma gratuito, e ricevi sul tuo desktop le ultimissime notizie di economia e finanza

News

champions

L'Inter (2-1a Mosca) brava e fortunata: ribalta il risultato e vince

auto

Rimandato il lancio della «Panda cinese» per la causa con la Fiat

expo 2015

Luci sui progetti che fanno bella Milano: l'omaggio agli ospiti di Expo 2015

anniversari

Novant'anni fa la battaglia di Caporetto, madre di tutte le batoste

computer

Asus: così il notebook diventa ultraleggero

prospettive

Il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca (Stefano Capra / Imagoeconomica)

Turismo a Roma, invia le tue domande per il forum di mercoledì

GIAPPONE

La palazzina del Progetto Sofie sottoposta all'esperimento anti-sismico

Terremoto del settimo grado della scala Richter, ma la casa in legno fatta nel Trentino resiste

iniziative

L'appello di Nòva24: il Governo rilancia sul 5 per mille

viaggi24

Singapore. Dove tutto è possibile
Viaggio in una delle capitali mondiali dello shopping e del commercio.

CASA24

Comprare casa senza agenzia
I consigli per risparmiare nell'acquisto della casa trattando direttamente tra privati

In Evidenza

CRIBIS.it
Informazioni per decidere con chi fare o non fare business, in Italia e nel mondo.

5° Annual Economia & Finanza
Nel tradizionale appuntamento organizzato dal Sole 24 ORE, alcuni dei maggiori esperti affronteranno il tema: MiFID, Compliance e Competitività. Milano, 18 ottobre - Per iscrizioni, cliccare qui .

Il Sole 24 Ore FINANZA
Scopri l'offerta professionale di prodotti e servizi per chi opera sui mercati.

A Natale un regalo diverso?
AMREF presenta alle aziende tante idee per un Natale solidale con l'Africa da regalare a clienti, fornitori, dipendenti e amici.

Scarica il gadget del Sole 24 ORE per Windows Vista
Il Sole 24 ORE porta sul tuo desktop le news di economia e attualità e l'andamento della Borsa.

Le tue foto su Casa24
Un angolo accogliente, un mobile insolito, un ambiente particolare: inviaci le foto della tua casa, le più belle saranno pubblicate sul sito.

Pubblicità