ILSOLE24ORE.COM > Notizie Finanza e Mercati ARCHIVIO

L'addio di Romiti a Impregilo: «Una banca amò mettere i bastoni tra le ruote»

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
3 maggio 2007

«Lascio con grande orgoglio e commozione, mi occupo di Impregilo dal 1974 e nel lasciarla sento del rammarico. Oggi sono contento di lasciare il gruppo in mani sicure che porteranno l'azienda sempre più in alto». È il saluto di Cesare Romiti, visibilmente commosso, agli azionisti di Impregilo all'ultima assemblea da lui presieduta. Romiti non ha mancato di sottolineare che in Impregilo «il periodo dei bond (nel 2003 e 2004, ndr) lo ricordo come molto doloroso» e che nel «sistema bancario italiano ci fu una banca in particolare che amò mettere i bastoni fra le ruote ed è una cosa che mi ha lasciato amarezza, io che sono sempre stato amico di Enrico Cuccia» . Chiaro il riferimento al nuovo corso di Mediobanca e ai rapporti non sempre idilliaci con la finanziaria Gemina, anche quella ormai fuori dal controllo dei Romiti.

Ponzellini nuovo presidente, conferma per Lina. L'assemblea degli azionisti del gruppo di Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, oltre ad approvare il bilancio 2006 della società chiuso con un utile della Spa pari a 3,2 milioni di euro, ha quindi approvato la lista dei 15 consiglieri, in carica sino all'approvazione del bilancio 2007, proposti dall'azionista di maggioranza Igli. Oltre a Ponzellini, nuovo presidente, e all'amministratore delegato Alberto Lina (confermato), il Cda di Impregilo è composto da Paolo Ligresti, Antonio Talarico, Nicola Fallica, Andrea Novarese, Giovanni Castellucci, Giuseppe Piaggio, Luca Bettone, Maurizio Maresca, Beniamino e Marcello Gavio, Alberto Sacchi, Alfredo Cavanenghi e Claudio Cominelli. L'assise ha altresì integrato il collegio sindacale e, fra l'altro, ha deliberato su proposta del socio Igli (Argofin, Autostrade e Immobiliare Lombarda) uno scarico di responsabilità e manleva per gli amministratori e sindaci nominati negli esercizi 2005 e 2006, dalla data della loro rispettiva nomina fino alla data di approvazione del bilancio al 31 dicembre 2006. Un ordine del giorno approvato a maggioranza, con un contrario e due azionisti astenuti. Nei due esercizi precedenti fra gli azionisti c'erano i Rocca e i Romiti.

Il nuovo azionariato. Lina ha sottolineato che a proposito del contratto (una commessa da 1,7 miliardi) per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina «siamo in attesa di una comunicazione ufficiale da parte del nostro cliente (il Governo, ndr)» e che Impregilo si attende «di concordare una soluzione alternativa al contenzioso». Quanto all'aggiornamento sull'attuale azionariato rilevante di Impregilo, il presidente uscente, Cesare Romiti, ha informato che Igli risulta detenere il 29,6%, Generali il 3%, Bpm il 3%, S.W. Mitchell il 2,9%, mentre Theorema Asset Management, Centaurus Capitale Fidelity International possiedono il 2% circa ciascuna. Parte delle azioni Impregilo sono intestate a Morgan Stanley International (5,17%), Morgan Stanley & Company (2,84%) e Goldman Sachs International (2,69%).

Torna in auge l'ipotesi di matrimonio con Astaldi. Un'ipotesi di aggregazione fra Impregilo e Astaldi, i due general contractors italiani, raccoglie il consenso del nuovo socio di Impregilo, Immobiliare Lombarda, recentemente entrata ai piani alti della torre di controllo con una quota paritetica nella holding Igli. «La vedo positivamente per entrambi - ha affermato Paolo Ligresti, presidente di Immobiliare Lombarda, a margine dell'assemblea degli azionisti di Impregilo - dipende da Astaldi, se vuole partecipare con noi». Per ora ha spiegato Ligresti non c'è alcun mandato per eventualmente studiare l'operazione: «Siamo ancora alle intenzioni». Per quanto riguarda le indiscrezioni che ipotizzano un ingresso di Astaldi nel capitale di Igli, Ligresti ha replicato che «non se ne è mai parlato». Poco prima Giulia Ligresti, presidente e amministratore delegato di Premafin, socio di Impregilo attraverso la controllata Immobiliare Lombarda (azionista al 33,3% di Igli), aveva confermato che la partecipazione nel gruppo di costruzioni Impregilo «è strategica» ma aveva preferito non «fare commenti» sulle nozze con Astaldi.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
 
L'età dell'oro delle monete
Il Senato Usa processa Goldman Sachs
Tragedia greca. Fotoracconto
La top ten delle aziende Usa secondo Fortune
Geronzi dalle banche romane al leone di Trieste
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-