ILSOLE24ORE.COM > Notizie Finanza e Mercati ARCHIVIO

Alitalia: Air France torna in pista. Previsti 6mila esuberi

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
26 agosto 2008

Air France-Klm ha convocato per giovedì un consiglio di amministrazione straordinario. Lo hanno riferito fonti del settore all'agenzia Il Sole 24 Ore Radiocor. La riunione si terrà all'indomani di un incontro a Parigi tra una delegazione di top manager di Intesa SanPaolo in cui sarà illustrato ai vertici della compagnia franco-olandese il piano per il salvataggio di Alitalia che prevede la presenza di un partner internazionale. Giovedì è anche il giorno in cui è convocato il Consiglio dei ministri che dovrebbe dare semaforo verde a una legge Marzano in versione aggiornata. Il giorno dopo, venerdì, il cda di Alitalia per i conti del semestre.

Air France all'inizio dell'anno era giunta ad un passo dal chiudere l'acquisto di Alitalia. Poi il dossier era finito nel tritacarne della campagna elettorale e l'operazione saltò. Ora i contatti sono stati riaperti, così come si sta parlando anche con Lufthansa. La nuova Alitalia, infatti, non può fare a meno di un partner internazionale. Secondo alcuni consulenti, l'ipotesi è quella di creare un "hub virtuale" a Malpensa: la newco Alitalia avrebbe a disposizione un network internazionale che altrimenti non potrebbe permettersi, ma in cambio dovrebbe condividere i profitti sul traffico internazionale. Intanto l'agenzia Il Sole 24 Ore Radiocor ha battuto un flash secondo cui la newco è stata costituita e denominata Compagnia Aerea Italiana. Il presidente sarà il patron di Piaggio Roberto Colaninno.

Il piano e gli esuberi

Dopo l'incontro di ieri tra Intesa SanPaolo e i rappresentanti degli investitori che entreranno nella cordata, intanto, sono emersi alcuni particolari sul piano. Il più atteso è il dato sugli esuberi. Secondo quanto ha riferito una fonte finanziaria, il piano prevede tra i 6mila e i 6.500 lavoratori in esubero distribuite tra Az Servizi, le funzioni operative e nelle cosiddette risorse "overhead", legate ad attività che non generano profitti. Per una parte di questi lavoratori il piano ipotizza la riconversione e l'impiego nella newco in cui dovrebbero confluire le attività redditizie della compagnia. La riconversione professionale, riferiscono le fonti, punterebbe soprattutto a recuperare personale per le attività di volo. Gli altri dipendenti in esubero confluirebbero nella "bad company" destinata a continuare a pesare sui conti pubblici (con debiti, rotte e attività in perdita) attraverso Fintecna o la Cdp.

Verso il commissariamento

Nel frattempo, su Alitalia si è tenuto martedì pomeriggio un incontro durato circa due ore, a palazzo Chigi. All'incontro hanno partecipato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola e il ministro delle Infrastrutture, Altero Matteoli. Sul tavolo la decisione sul commissariamento della compagnia con l'emanazione di un decreto ad hoc. (Gi.C.)

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.