ILSOLE24ORE.COM > Notizie Finanza e Mercati ARCHIVIO

Il coraggio di Bernanke

di Riccardo Sorrentino

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
17 Dicembre 2008
Ben Bernanke - Reuters

Non chiamatelo Bernanke-san, alla giapponese. Qualcuno lo ha già fatto, perché la nuova politica monetaria americana somiglia moltissimo alla strategia adottata a Tokyo tra il 2001 e il 2006 per combattere la deflazione e una lunghissima crisi economica. Non è così, però: il presidente della Fed sta puntando a qualcosa di molto diverso, e non del tutto nuovo per l'esperienza americana.
Le somiglianze, è vero, sono notevoli. Ben Bernanke ha deciso che i tassi praticati dalla Fed, i Fed Funds, si muoveranno tra lo zero e lo 0,25%, esattamente come la Banca del Giappone (Boj) portò il costo del denaro nominalmente a quota zero, ma in realtà allo 0,10-0,15 per cento.
Il presidente della Fed ha poi promesso, in buona sostanza, di mantenere i tassi ufficiali americani a quel livello «per qualche tempo», proprio come fece qualche anno fa l'Autorità monetaria di Tokyo. L'obiettivo è infatti lo stesso: plasmare le attese degli investitori, in modo che si aspettino rendimenti bassi per tutte le scadenze, comprese quelle a più lungo termine.
Il Banchiere centrale Usa ha poi persino fatto intravvedere il passo successivo della nuova politica monetaria, anch'esso analogo a quello adottato in Giappone. Il comunicato spiega che la Fed stimolerà l'economia attraverso misure che «mantengano le dimensioni del bilancio della Fed ad alti livelli». In sostanza promette una forte espansione dell'offerta di moneta, dando inizio ufficialmente al quantitative easing, l'allentamento quantitativo. Non è altro che il famoso elicottero di Milton Friedman (e dello stesso Bernanke), quello che fa cadere dollari dal cielo per combattere la deflazione (e la recessione che l'accompagna).
Le somiglianze, però, finiscono qui, e non solo perché la Boj indicò esplicitamente quanta moneta intendeva creare. Bernanke sa bene che la strategia giapponese è fallita e non vuole ripetere gli stessi errori. La Fed quindi sta già studiando qualcos'altro, oltre agli innovativi sostegni al credito al consumo. Il comunicato lo fa intravvedere come una possibilità lontana, ma non più teorica. La Banca centrale, spiega, «sta anche valutando i potenziali benefici degli acquisti di titoli di Stato a lungo termine», con l'obiettivo di mantenerne bassi i tassi per tutte le scadenze.
Il Giappone, in realtà, ha fatto anche questo tentativo, senza grande successo. Non indicò però obiettivi precisi per i rendimenti. È questa invece la mossa preferita dal presidente della Fed, come lui stesso ha ammesso già nel 2002. Bernanke non guarda a Tokyo ma all'esperienza americana del periodo 1942-1951, gli anni dell'"economia di guerra". Allora la Banca centrale fissò un rendimento massimo dello 0,375% per le notes a 90 giorni e uno del 2,5% per i bond a lunga scadenza, e il meccanismo funzionò a lungo, persino quando la Fed smise di acquistare e vendere titoli di Stato per imporre quei tetti.
Ecco quindi la differenza: Bernanke è pronto ad affrontare la crisi come se fosse una guerra; ed è impressionante quanto il suo cammino diverga ormai da quello della Bce. Proprio ieri, con una coincidenza significativa, il presidente Jean-Claude Trichet ha rivelato il proprio pensiero: ha l'impressione che ci siano limiti ai tagli dei tassi, vuole rendere operative le decisioni già prese e ritiene inopportuno, al momento, acquistare titoli di Stato.
È facile capire perché le due politiche siano così diverse: Washington teme la recessione di oggi e la deflazione di domani, Francoforte l'eccesso di liquidità che può creare dopodomani, come ha creato ieri, nuove bolle e nuove crisi. Il difficile è stabilire, nel mezzo di una tempesta economica, chi stia facendo la cosa giusta.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.