ILSOLE24ORE.COM > Notizie Finanza e Mercati ARCHIVIO

La crisi spinge le vendite di cioccolata e gli utili di Cadbury

di Nicol Degli Innocenti

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
25 febbraio 2009

Nei periodi di crisi la gente ha più bisogno di cioccolata: il colosso dolciario Cadbury ha annunciato oggi, mercoledi 25 febbraio, un'impennata del 30% degli utili annuali a 559 milioni di sterline e un aumento del 7% delle vendite. Il titolo del gruppo britannico è salito del 3,2% a 525 pence alla Borsa di Londra. Gli analisti hanno definito la performance positiva, soprattutto tenuto conto dell'aumento dei prezzi del cacao del 40% nel 2008, che il gruppo è riuscito ad assorbire tagliando i costi e aumentando i prezzi dei suoi prodotti solo del 5 per cento. A fine gennaio il cacao ha toccato il prezzo più alto da 24 anni.

Todd Stitzer, chief executive del secondo gruppo dolciario al mondo, ha anche rassicurato gli investitori sulle prospettive per il 2009, affermando di essere "fiducioso ma realistico". Le previsioni del gruppo, che restano invariate, sono di un aumento delle vendite intorno al 4% per l'anno in corso: «Contiamo di fare progressi. Resistiamo alla recessione ma non siamo completamente immuni - ha detto Stitzer – . Tutti subiranno gli effetti del rallentamento nel 2009». La settimana scorsa il gruppo Nestlé aveva espresso un simile ottimismo sul mercato, prevedendo un aumento delle vendite del 5% quest'anno.

A giocare a favore di Cadbury è la preferenza dei consumatori per marchi fidati, ha detto Stitzer: «Nei periodi difficili la gente gravita verso marchi che conosce e ama e sceglie piccoli lussi che si può permettere». Tra i marchi più noti del gruppo ci sono Dairy Milk, le gomme da masticare Trident e Dentyne e le caramelle per la tosse Halls. Le vendite nei mercati emergenti, che rappresentano il 40% del business di Cadbury's, sono aumentate del 12 per cento. Particolarmente positive le vendite di gomma da masticare, che hanno registrato un aumento a due cifre sia in Europa che negli Stati Uniti.

Cadbury's ha da tempo deciso di concentrarsi solo sul core business dolciario e ha venduto tutte le sue divisioni bevande. Nel dicembre scorso ha completato le dismissioni vendendo le bevande Schweppes australiane alla società giapponese Asahi per 550 milioni di sterline in contanti.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.