ILSOLE24ORE.COM > Notizie Finanza e Mercati ARCHIVIO

Contratti di swap collar e digital collar:
ecco la differenza

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
29 maggio 2009

Ecco schematizzati i contratti sottoscritti dai comuni in due tipologie: i contratti di tipo collar (Caso 1), dove l'ente paga il tasso Euribor contenuto entro una certa banda, e i contratti che definiamo digital collar (Caso 2), dove l'ente Ŕ esposto al rischio che il tasso Euribor superi una determinata soglia, nel qual caso incorre in perdite cedolari rilevanti.

Ipotizziamo, quale esempio e punto di partenza, che i comuni siano indebitati con la Cassa Depositi e Prestiti ad un tasso fisso del 5%, con un nozionale che decresce secondo un piano di ammortamento lineare. Il Comune dunque non Ŕ esposto ad alcun rischio di variazione dei tassi e dunque gli importi cedolari pagati per far fronte al servizio del debito non risentono del variare delle condizioni di mercato.

Caso 1 - Collar

Nozionale: 20.000.000
Data di stipula: 28/11/2004
Data di inizio: 01/01/2005
Data di scadenza: 31/12/2025

Comune paga:3%se Euribor 6 mesi <= 3%
Euribor 6 mesise 3% < Euribor 6 mesi <= 7%
7%se Euribor 6 mesi > 7%



Banca paga: tasso Cassa Depositi e Prestiti (5%)
Frequenza pagamenti: semestrale, in advance

Pagamento cedolare netto al 31/12/2008: Euro 12.000





Caso 2 - Digital Collar

Nozionale: 20.000.000
Data di stipula: 28/11/2004
Data di inizio: 01/01/2005
Data di scadenza: 31/12/2025

Comune paga:3%se Euribor 6 mesi <= 3%
Euribor + 100 bpse 3% < Euribor 6 mesi <= 5%
8%se Euribor 6 mesi > 5%


Banca paga: tasso Cassa Depositi e Prestiti (5%)
Frequenza pagamenti: semestrale, in advance

Pagamento cedolare netto al 31/12/2008: Euro 300.000






Il Caso 1 rappresenta un contratto Collar dove il comune si espone, a seguito della sottoscrizione dello swap, al rischio di rialzo del tasso Euribor. Tale rischio risulta controllato entro la soglia del 7%, al di lÓ della quale il comune continua a pagare una cedola pari al 7%. Tale contratto risulta coerente col D.L. 389/2003: la finalitÓ economica del contratto Ŕ quella di raggiungere un risparmio nei pagamenti cedolari, posto che i tassi di interesse si riducano al di sotto di quelli che si sarebbero pagati con il prestito originario contratto con la Cdp, nel nostro esempio pari al 5%.

Il Caso 2, per quanto apparentemente simile al Caso 1, presenta elementi tali da renderlo non conforme al D.L. 389/2003 e da esporre il comuni al rischio di pagare cedole nette elevate. Qualora infatti l'Euribor 6 mesi superi la soglia del 5%, la cedola del comune fa un salto dal 6% (in corrispondenza dell'Euribor al 5%) all'8%. Questo salto, in fase di strutturazione del contratto, viene ottenuto introducendo un'opzione di tipo digital nella struttura iniziale del collar originario (di cui al Caso 1). Il D.L. 389/2003, alle lettere a) – f) dell'art. 3 non prevede la stipula di tali contratti i quali, come vedremo di seguito, sono stati considerati nulli dalla Corte dei Conti. (scheda a cura di Martingale Risk)

29 maggio 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
 
L'etÓ dell'oro delle monete
Il Senato Usa processa Goldman Sachs
Tragedia greca. Fotoracconto
La top ten delle aziende Usa secondo Fortune
Geronzi dalle banche romane al leone di Trieste
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-