ILSOLE24ORE.COM > Notizie Norme e Tributi ARCHIVIO

Arriva l'albo per i buttafuori

di Marco Ludovico

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
Venerdí 09 Ottobre 2009

Arriva il buttafuori-gentleman. D'ora innanzi, è una professione regolamentata: un decreto del ministero dell'Interno, appena firmato da Roberto Maroni in attuazione della legge sulla sicurezza, fissa regole e requisiti.

In ogni prefettura, dunque, ci sarà un albo del personale addetto ai servizi di controllo delle discoteche, locali e luoghi di ritrovo. Ma le norme per fare la professione di bodyguard potranno cambiare, forse, anche l'immagine attuale di questi professionisti, quasi sempre giovani palestrati con la faccia cattiva e i modi piuttosto spicci.

Uno dei requisiti per accedere all'albo, infatti, è aver frequentato e superato un corso di formazione regionale che prevede tre settori di studio: area giuridica, per conoscere leggi e codici su ordine e sicurezza pubblica; area tecnica, per sapere le disposizioni su prevenzione incendi, salute e soccorso sanitario; area psicologico-sociale, la novità maggiore. I nuovi buttafuori, insomma, dovranno avere in particolare – prevede il decreto del Viminale – capacità di concentrazione, di autocontrollo e di contatto con il pubblico. Ma anche adeguata comunicazione verbale e consapevolezza del proprio ruolo professionale.

Oltre alla maggiore età e il diploma di scuola media inferiore, il decreto richiede buona salute fisica e mentale, assenza di uso di alcol e stupefacenti e di elementi psicopatologici, certificati da autorità sanitarie pubbliche. Non si può essere stati denunciati o condannati per deliti non colposi né aver subito un daspo, il divieto di accesso alle manifestazioni sportive. Divieto anche per chi aderisce, o ha aderito, a un'organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.

L'articolo 6 prescrive che i bodyguard non potranno portare armi - anche se titolari di licenza - né oggetti atti a offendere o qualunque altro strumento «di coazione fisica». Non solo: lo svolgimento delle funzioni non deve comportare «l'uso della forza» o «l'esposizione a profili di rischio». E rimane comunque, nei casi in cui ci siano situazioni pericolose, l'obbligo dell'immediata segnalazione alle forze di polizia. Oltre ad avere con sè un documento di identità, è necessario indossare un tesserino di riconoscimento, di colore giallo fluorescente che, raccomanda il Vimnale, deve portare la dicitura «Assistenza» in caratteri facilmente leggibili.

I gestori dei locali potranno svolgere i servizi di controllo direttamente con il proprio personale, oppure potranno avvalersi dei dipendenti di istituti di vigilanza e investigazione. E gli attuali «gorilla» che fine faranno? Possono continuare a lavorare, ma hanno tempo massimo sei mesi per mettersi in regola.
marco.ludovico@ilsole24ore.com

Venerdí 09 Ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
22 maggio 2010
21 maggio 2010
21 maggio 2010
20 maggio 2010
20 aprile 2010
 
Gli esperti del ministero rispondono a tutti i dubbi sugli incentivi
La liquidazione: rimborsi e debiti
I redditi da dichiarare
La salute e gli altri sconti
La famiglia e la casa
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-