ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Attrice non protagonista: Tilda Swinton, «Michael Clayton»

di Boris Sollazzo

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
25 febbraio 2008
Tilda Swinton (Foto Epa)

No Marty, no party. Questo avrà detto Clooney con quella sua faccia da schiaffi incontrando Sydney Pollack sul set, nella parte di Marty Bach, suo capo e mentore. L'ex dottor Ross, infatti, è Michael Clayton, brillante procuratore trasformato in esattore azzeccagarbugli da un potentissimo studio associato (per chi non sapesse cosa sono, si legga John Grisham per capirne la forza). Si ritroverà, trascinato dalla lucida follia dell'amico Arthur (Tom Wilkinson, perfetto), nello sporco affare della U-North, multinazionale dell'energia e della nutrizione che ha ucciso con un defoliante quasi 500 persone. Clayton- Clooney è nella task force che deve difendere questo colosso colpito da una class action (azione legale collettiva) da tre miliardi di dollari. Il gioco più grande di lui lo coinvolgerà, portandolo fuori, suo malgrado, dalla grigia ambiguità in cui si era rifugiato. Una parabola utile e prevedibile sul Sistema ingiusto e feroce del capitalismo americano, sul modello di Erin Brockovich, il cui regista, Steven Soderbergh, è qui produttore. La regia dell'esordiente Tony Gilroy, già sceneggiatore action- glamour (L'avvocato del diavolo), è diligente, probabilmente sotto la supervisione dell'inscindibile duetto Soderbergh- Clooney. C'è il loro marchio, dall'aspetto politico ai pianosequenza spezzati, "da ufficio". Il film risulta incompleto, sappiamo troppo poco dello scandalo legale e non ci si appassiona tanto, ma il lavoro sui personaggi è molto interessante. George è ambiguo e noir come poche altre volte, Tilda Swinton, legale della corporation e sempre più strega cattiva, è bravissima nell'interpretare la necessità del male. Un gioco di ruoli in cui i personaggi si vendono l'anima e, in qualche caso, se la ricomprano. Miglior film della giornata, ma tirata d'orecchi per il finale catartico: classicamente americano (colpa veniale, persino Francis Ford Coppola non riesce a rinunciarci), ma Il cliente ci ha insegnato che si può evitare senza danni.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 21 al 24 Maggio 2020
1 Gli anni più belli 4822786   
2 Bad Boys for Life 882212   
3 Il richiamo della foresta 680273   
4 Parasite 5142949   
5 Sonic. Il film 2194723   
6 Odio l'estate 7339961   
7 Cattive acque 263009   
8 La mia banda suona il pop 240521   
9 Dolittle 4522635   
10 Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn) 348839   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-