20 settembre 2006

Biscardi, Sposini e Melli sospesi dall'Ordine dei giornalisti

Sospensione di sei mesi per Aldo Biscardi, di quattro mesi per Franco Melli, di tre mesi per Lamberto Sposini: sono alcuni dei provvedimenti decisi dal Consiglio dell'Ordine dei giornalisti del Lazio in merito alle vicende legate a Calciopoli. Il Consiglio ha deciso anche la notifica di un avvertimento per Guido D'Ubaldo, sempre la stessa vicenda, mentre per il giornalista Rai Ignazio Scardina, la decisione è stata sospesa in attesa della conclusione dell'inchiesta giudiziaria.
«Apprendo con stupore - commenta Biscardi - la decisione dell'Ordine del Lazio di sospendermi. Ritengo che si tratti di una presa di posizione inaudita, per altro appresa dalle agenzie di stampa e non ancora comunicatami ufficialmente, perchè tanto il procedimento penale quanto quello sportivo si sono conclusi senza nemmeno sfiorare la mia persona e anche perchè mi sarei aspettato dall'Ordine una mia difesa in relazione alle insinuazioni diffuse da alcuni organi d'informazione verso i quali saranno assunte le più opportune azioni legali». «Attenderò la notifica della decisione - prosegue il giornalista - e una volta appresi e valutati i motivi assumerò le iniziative più opportune non escludendo quella di cancellarmi da un ordine che finora ha dimostrato di non tutelarmi come avrebbe dovuto». Biscardi conferma anche che il suo programma di successo, il "Processo", continuerà ad andare in onda regolarmente.
Intanto Lamberto Sposini annuncia, insieme al suo avvocato Giulia Bongiorno, che impugnerà il provvedimento dell'Ordine. A questo proposito il giornalista organizzerà per domani una conferenza stampa.