L'Egitto trionfa in Coppa d'Africa: battuto il Ghana

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci

Trionfo dell'Egitto, campione uscente che si conferma, in Coppa d'Africa. Sconfitto il Ghana, sin qui imbattuto nel torneo, in finale a Luanda (Angola) per 1 a 0. Decisivo il gol-partita di Mohamed Nagy Gedo all'85'. I faraoni hanno archiviato almeno parzialmente la delusione per l'esclusioned ai mondiali sudaficani di giugno. La vittoria consente all'Egitto di poter vantare a questo punto tre vittorie consecutive in Coppa d'Africa e sette complessive, un doppio record.

Intanto Emmanuel Adebayor, capitano del Togo, ha definito "mostruosa" la decisione presa dalla confederazione calcistica africana di imporre alla sua nazionale una squalifica per le due prossime edizioni della Coppa d'Africa ed ha invitato il presidente Issa Hayatou a dimettersi. V

ittima dell'attacco terroristico che ha provocato tre morti (l'autista, l'addetto stampa ed un assistente allenatore), messo in atto dai ribelli all'ingresso del pullman in Angola prima dell'inizio della manifestazione, alla nazionale togolese era stato imposto il ritiro dal torneo dal suo governo, dopo che i giocatori avevano invece scelto di partecipare. Ed Ť proprio a causa di questa ingerenza della politica che la CAF ha deciso di squalificare il Togo. "Hayatou ha fatto molto, ma questa decisione Ť mostruosa, se ne deve andare", ha detto Adebayor.

Il 25enne capitano togolese e e attaccante del Manchester City - si legge da L'Equipe - ieri pomeriggio Ť tornato ad allenarsi con i compagni di club accusa Hayatou di avere "totalmente tradito" il Togo. "Se ne fregano delle guerre che ci sono nel mondo", ha detto Adebayor. "Il nostro capo di stato ci aveva mandato alla Coppa d'Africa per difendere i colori del nostro paese, ma ha poi giudicato che la minaccia che metteva in pericolo le nostre vite non poteva essere sottovalutata e ci ha chiamato indietro. Noi in quel momento eravamo ambasciatori del nostro paese, siamo stati obbligati a rientrare e non potevamo fare altro".

© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio