ILSOLE24ORE.COM > Notizie Tecnologia e Business ARCHIVIO

Marzan (Zanox): «Ecco come investire con profitto nel marketing online»

di Gianni Rusconi

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
7 giugno 2007

Azienda fra le prime in Europa nel campo delle soluzioni di marketing on line che vertono su programmi di affiliazione e sulla fidelizzazione della clientela, attraverso servizi che spaziano dal posizionamento strategico nei motori di ricerca all'e-mail marketing fino all'e-commerce multicanale. Il biglietto da visita che esibisce la zanox, società fondata a Berlino nel 2000 e oggi attiva con oltre 250 addetti in 35 paesi (Italia compresa) di cinque continenti, è quello di una "media company" che assorbiti gli effetti dello scoppio della bolla Internet di inizio millennio ha saputo guardare avanti cavalcando le nuove dinamiche della comunicazione e del marketing in Rete. Tagliando traguardi di prestigio, vedi il premio European Seal of E-Excellence istituito dall'Emmac (European Multimedia Associations Convention) vinto quest'anno per la seconda volta consecutiva per il carattere innovativo dei propri prodotti, e mettendo a portafoglio oltre 1.500 clienti di livello internazionale fra cui colossi come Allianz, Amazon, Axa, Citibank, DaimlerChrysler, Procter & Gamble, Quelle e Vodafone, serviti attraverso un milione di partner indipendenti attivi localmente.
Il tutto facendo leva su un modello di business basato sul cosiddetto "commission-based marketing": i clienti che si affidano a zanox per ciò che concerne shopping on line e confronto prezzi, campagne pubblicitarie e di branding, key advertising e traffico Internet pagano solo in caso di successo dell'iniziativa, riducendo in tal modo il rischio sugli investimenti nelle attività di marketing on line. In Italia, dove ha aperto i battenti dell'ufficio milanese nel 2005, la società ha replicato anche il modello organizzativo già sperimentato presso le altre sedi internazionali: e cioè focalizzazione dei team di vendita e degli affiliati (concessionarie di pubblicità, centri media, Web agency, portali) su specifici settori verticali (finance, telecom, media, travel e retail) per sviluppare competenze specifiche frutto delle strette relazioni con gli affiliati, a livello nazionale e internazionale.
Delle attività di zanox e delle prospettive di sviluppo di questo settore più in generale l'edizione on line del Sole24ore ne ha parlato con Michele Marzan, Country Manager della filiale italiana.

Ci dia innanzitutto un ordine di idee del volume d'affari di zanox

Il fatturato consolidato 2006 del gruppo è stato di 106 milioni di euro, con un Ebitda pari al 7,6%; in Italia il fatturato è arrivato a 3,3 milioni di euro con un margine lordo del 12%. L'obiettivo minimo di zanox Italia per il 2007 è quello di raddoppiare i ricavi dell'anno passato e i dati del primo trimestre sono assolutamente positivi e non solo per la realtà dei numeri :siamo infatti fra i pochissimi operatori a offrire servizi di marketing on line, di profiling e di monitoraggio delle attività di vendita via Internet interamente basati sulle performance.

Chi sono i vostri clienti di riferimento?

Lavoriamo su tutte le industry, dal finance all'e-commerce, dai viaggi alle telco, e fra i nomi più importanti che serviamo fra gli oltre 100 clienti in portafoglio vi sono Fineco, Ing Direct, Findomestic, Lastminute, Meridiana, Telecom Italia, Fiscali, Yoox, MrPrice, Monclick.

Facciamo un passo indietro: perché l'intermediato dell'advertising on line è ancora una minima parte del valore complessivo degli investimenti pubblicitari?

La linea è tracciata, da tutti. Operatori e utenti. Quello dell'advertising on line è un mercato ancora giovane ma con tassi di crescita importanti e lo dimostrano i dati Iab, che aprlano di incrementi del 45% per il 2006 e anche il 2007. In termini generali sta pesando quindi sempre di più sul totale del transato pubblicitario perché sono sempre più numerose le aziende che destinano parte del budget verso l'on line. C'è comunque da dire che l'Italia è un mercato "follower", che paga cioè l'ancora limitata sensibilità per i servizi Web della maggior parte delle piccole e medie imprese e il fatto che Tv e stampa rimangono i media che vanno per la maggiore.

Il vostro business si fonda sull'attività degli affiliati, ne avete addirittura un milione sparsi per il mondo. Ci descrive in breve come funziona questo modello.

Gli ultimi Paesi in cui zanox ha stretto accordi con importanti publisher e network locali sono il Sud Africa, l'India e l'Australia; oltre all'Europa, siamo attivi negli Stati Uniti, Sud America, Cina e vari paesi del Far East e in Italia possiamo contare su circa 20.000 operatori di vario livello, in funzione della tipologia di servizio che andiamo a proporre. La nostra presenza è globale, il modello che la sorregge è "semplice": forniamo la piattaforma tecnologia (zanox Xs, ndr) alla base del programma di affiliazione, quindi contribuiamo all'attività consulenziale a supporto della vendita del servizio al cliente finale, che è gestita in prima istanza dall'operatore locale.

C'è un prodotto/servizi che si sente di "consigliare" alla classica media azienda italiana che guarda al mercato globale?

Qualsiasi sia basato sul concetto di remunerazione delle performance, nell'ottica di azzerare il rischio dell'investimento. Se l'azione di marketing o a supporto delle vendite non genera risultati l'azienda non riconosce i costi del servizio a zanox, in caso contrario noi incassiamo la commissione, fissa o percentuale che sia.

Chi sono gli interlocutori per voi più sensibili in azienda?

Nella norma sono i responsabili marketing o vendite ma anche amministratori delegati e direttori generali nei casi di eccellenza.

La ricetta per far decollare definitivamente i servizi di advertsing e marketing on line.

Fare marketing e comunicazione su Internet, e farle bene, è un concetto che deve essere assimilato. Altrimenti si corre il rischio di generare inutile dispersione di risorse. Il messaggio che vorrei far passare è il seguente: il Web sta maturando nella direzione di essere più misurabile e più controllabile. E con una piattaforma adeguata il Roi è misurabile in tempo reale.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 MAGGIO 2010
7 MAGGIO 2010
7 MAGGIO 2010
7 maggio 2010
 
L'Italia vista dal satellite
La domenica di sport
Sony Ericsson Xperia X10
Nokia N8
Si chiude l'era del floppy disk
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-