ILSOLE24ORE.COM > Notizie Tecnologia e Business ARCHIVIO

Da GE e Boeing il checker per le fusoliere degli aerei

di Paolo Migliavacca

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
19 GIUGNO 2009
Vai alla demo

Di solito sottovalutati, i piccoli incidenti che accadono negli aeroporti durante le operazioni di carico e scarico degli aerei (urti dei carrelli elevatori dei bagagli, movimenti bruschi dei bagagli stessi dentro le stive, piccoli "colpi" alle ali da parte di autocarri di servizio e autocisterne rifornitrici di carburante) in realtà costano annualmente svariati milioni di dollari per ciascuna compagnia aerea, sia per le riparazioni vere e proprie, sia per il "fermo macchina". E possono avere, se non scoperti in tempo, conseguenze potenzialmente gravissime per la sicurezza degli aerei, come sembra si possa ipotizzare dal tragico volo AF 447 precipitato nell'Oceano Atlantico, al largo delle coste brasiliane, il 1° giugno scorso.
Per rimediare a questa situazione i tecnici di General Electric, in collaborazione con Boeing Management Company, hanno sviluppato il "Bondtracer Composite Checker". Si tratta di uno strumento in grado di effettuare una vera e propria ecografia della fusoliera degli aerei - anche di quelli fabbricati in materiale composito che costituiscono la generazione che si appresta a volare massicciamente a partire dai prossimi mesi, in particolare il B 787 "Dreamliner" e l'Aiburs A-350 XWB - direttamente sulle piste di volo.
Proprio il "Dreamliner" sta conoscendo al salone aerospaziale di Le Bourget un lusinghiero successo. Secondo Pat Shanahan, vice presidente di Boeing per i programmi aeronautici, la casa americana ha accumulato finora 865 ordini da 56 clienti, con un ritmo produttivo che salirà a 10 aerei al mese entro il 2012. Ecco quindi la necessità di prepararsi tempestivamente all'arrivo di velivoli di nuova generazione.
«Oggi i materiali compositi stanno sostituendo i metalli, anche quelli più avanzati come alluminio e titanio, nella costruzione delle fusoliere e di ampie parti delle ali e del timone – sostiene Larry Laffont, Aerospace Segment Manager della GE Sensing & Inspection Technologies, azienda di 4.700 addetti sparsi in oltre 40 stabilimenti di 27 paesi - Essi consentono una leggerezza molto superiore al metallo e, quindi, notevoli risparmi di carburante. (Fattore cruciale nei conti della compagnie aeree devastati dalla crisi economica, NdR). Ma, nel contempo, richiedono controlli più accurati, data la loro delicatezza. Spesso, infatti, le piccole lesioni riportate dalle fibre non risultano visibili a occhio nudo».
Il Bondtracer è in grado, con tecniche non distruttive, di analizzare in profondità la struttura del materiale composito: un display indica con una luce verde la sua integrità, con una luce rossa la presenza di fratture.

19 GIUGNO 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 MAGGIO 2010
7 MAGGIO 2010
7 MAGGIO 2010
7 maggio 2010
 
L'Italia vista dal satellite
La domenica di sport
Sony Ericsson Xperia X10
Nokia N8
Si chiude l'era del floppy disk
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-