ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Libri / Nannarella il romanzo di Anna Magnani

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
6 MARZO 2008

Per il centenario della nascita di Anna Magnani, Minimum Fax ristampa la biografia di Giancarlo Governi, intitolata Nannarella. Un volume rilegato -particolare insolito per la casa editrice romana- che ripercorre tutta la vita dell'attrice. Uscito per la prima volta nel 1981, a sei anni dalla morte della protagonista, il libro racconta la donna che, per oltre mezzo secolo, incarnò il personaggio più famoso del cinema italiano. La popolana focosa di Roma città aperta, ma anche la protagonista di film come Bellissima di Luchino Visconti, di Mamma Roma di Pier Paolo Pasolini e di tanti altri titoli passati alla storia. Un'attrice sempre fuori dagli schemi, impulsiva, umana che affascinò generazioni di spettatori in tutto il mondo. Gelosa, possessiva, ironica, disperata. Nannarella fu tutto questo e anche molto di più. Il lavoro di Governi ci restituisce, oggi, l'immagine complessa, talvolta contraddittoria, di una figura indimenticabile. Di lei, l'autore ricostruisce con accuratezza tutta la vicenda biografica. Gli amori travolgenti, i successi, le gioie, i dolori, le speranze. Il racconto si apre con l'immagine di una bambina che cammina per mano ad una vecchietta, a Roma nei pressi del Campidoglio, cantando "Reginella". Di quella bimba, Governi indaga le origini, descrive l'assenza della madre e del padre (che Anna non ha mai conosciuto), racconta l'infanzia con la nonna e le zie. Tutta l'esistenza dell'attrice viene narrata minuziosamente. Non soltanto la parte più nota, quella segnata dai grandi successi cinematografici e dai premi, ma anche i primi passi nel mondo del teatro sono evocati con ricchezza di particolari. Dalla prima scuola di recitazione, alle tournée in giro per l'Italia, dall'avanspettacolo con i fratelli De Rege, fino alla rivista, che la vedrà protagonista assoluta con un altro grande astro nascente di quegli anni: Totò.
Piena di aneddoti, di testimonianze, di analisi precise e documentate la biografia di Giancarlo Governi, regala al lettore un'immagine nitida e vivissima di Anna Magnani. L'icona che inevitabilmente Nannarella è diventata con gli anni trova il suo spazio senza rubare la scena al suo lato più umano e meno conosciuto, quello di donna passionale, impetuosa eppure fragile, a tratti malinconica. Sembra quasi, scorrendo le pagine del libro, di sentire echeggiare la sua famosa risata. Ma sono esplosioni di riso che, spesso, nascondono la parte più drammatica e disperata di Anna Magnani. Un aspetto che l'autore non manca di mettere in evidenza con un tono ora ironico ora più amaro.
I personaggi che incrociano la strada di Nannarella sono tantissimi, tutti descritti con cura. Da Alberto Sordi a Vittorio De Sica, da Marlon Brando a Fellini, da Aldo Fabrizi a Tennessee Williams. E poi, ci sono i suoi grandi amori: il marito, Goffredo Alessandrini, l'attore Massimo Serato e, naturalmente, Roberto Rossellini. Tre relazioni burrascose, vissute quasi sull'orlo della follia, sempre seguendo l'istinto, proprio come avrebbero fatto le donne che interpretava sul grande schermo. E proprio in questo aspetto, forse, sta gran parte del fascino di Anna Magnani. Nel suo carattere, nel suo buttarsi anima e corpo in tutto, nel suo essere così "vera", così simile ai suoi personaggi. E' qualcosa che è rimasto impresso nella memoria degli spettatori e che non è mai cambiato. Al punto che, a 35 anni dalla sua morte, il ricordo di Nannarella è vivissimo e la sua storia è più attuale che mai.

Nannarella. Il romanzo di Anna Magnani
Giancarlo Governi

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-