ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza

di Michele Ossani

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
12 GIUGNO 2008

È difficile raccontare l'infanzia e l'adolescenza al cinema sfuggendo agli stereotipi e senza cadere nel troppo sentimentale o nello stucchevole. Ciò che era riuscito a un maestro come Truffaut riesce anche – senza per questo far gridare al capolavoro – al brasiliano Cao Hamburger. Regista soprattutto televisivo esperto del mondo dei bambini, ha l'occasione di mettersi in luce anche sul grande schermo con quest'opera che ha riscosso un buon successo al Festival di Berlino 2007 e che, a più di un anno di distanza, esce nelle nostre sale. È una classica storia di formazione, che intreccia sentimenti, sport e politica e, se non lo fa in maniera del tutto nuova, riesce però a coinvolgere attraverso un approccio sensibile, mosso, sfumato, niente affatto sdolcinato.
Siamo nel Brasile del 1970 e il dodicenne Mauro, grande appassionato di calcio, è lasciato davanti alla casa del nonno dai genitori, attivisti politici invisi al regime dittatoriale e perciò costretti all'esilio (al figlio fanno credere di partire per una vacanza). In realtà il nonno è morto poche ore prima e così a prendersi cura del ragazzino sarà il vecchio vicino di casa, ma più in generale tutta la comunità ebraica del quartiere multietnico di Bom Retiro a San Paolo. Mauro dovrà imparare a crescere in fretta proprio nell'estate in cui la febbre del calcio percorre ancora più del solito il suo Paese perché ci sono i Mondiali di calcio e il Brasile batterà l'Italia in finale per 4 a 1 conquistando il suo terzo titolo mondiale.
Un film che fa riflettere sugli anni bui del Brasile oppresso dalla dittatura militare con tono lieve e delicato e quindi – approfittando anche della cornice dei Mondiali di calcio – nei modi più della commedia che del dramma, con parecchie sfumature, con sprazzi di umorismo e senza retorica. E in più è il racconto di formazione, del passaggio dall'infanzia all'adolescenza, di Mauro, che si deve adattare a un ambiente estraneo e sconosciuto, in cui farà nuovi incontri, con adulti e coetanei. Anche questo aspetto è reso con rara maestria, senza sottolineature eccessive, cosicché tutto sembra sincero, credibile, per niente ruffiano. Forte anche di un montaggio serrato e di un gruppo di attori (specie i bambini) da lodare in blocco per naturalezza, il film, intelligente e magicamente equilibrato, suggerisce e non declama, osserva con garbo, ma non perde di vista la situazione drammatica che c'e sullo sfondo. In ogni caso, avvince a più riprese ed è una sorpresa di quest'ultimo scorcio di stagione cinematografica.

L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza Titolo originale: «O Ano em Que Meus Pais Saíram de Férias»; Regia: Cao Hamburger; Sceneggiatura: Cao Hamburger, Cláudio Galperin, Bráulio Mantovani, Anna Muylaert; Fotografia: Adriano Goldman; Montaggio: Daniel Rezende; Scenografia: Cássio Amarante; Costumi: Cristina Camargo; Musica: Beto Villares; Produzione: Gullane Filmes, Caos Produções Cinematográficas, Miravista, Petrobrás, Globo Filmes; Distribuzione: Lucky Red; Interpreti: Michel Joelsas, Germano Haiut, Paulo Autran, Daniela Piepszyk, Simone Spoladore, Eduardo Moreira, Caio Blat, Liliana Castro; Origine: Brasile; Anno: 2006; Durata: 104'.
Sito ufficiale (www.oano.com.br/)
Sito italiano (www.luckyred.it/)

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 2 al 5 Aprile 2020
1 Gli anni più belli 4822786   
2 Bad Boys for Life 882212   
3 Il richiamo della foresta 680273   
4 Parasite 5142949   
5 Sonic. Il film 2194723   
6 Odio l'estate 7339961   
7 Cattive acque 263009   
8 La mia banda suona il pop 240521   
9 Dolittle 4522635   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-