ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

I Savoia, a rotazione

di Andrea Merlotti

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
29 Giugno 2008

Domani sarà un giorno importante per la Reggia di Venaria. Alla presenza del Ministro per i Beni culturali Sandro Bondi e del presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso s'inaugurerà – oltre alla mostra sui Manti Regali – anche il Teatro di storia e magnificenza, nuovo percorso di visita della Reggia. Lo stesso giorno vede la nascita del nuovo istituto deputato a gestire la Reggia: il «Consorzio per la valorizzazione culturale La Venaria Reale».
Il Teatro di storia e magnificenza costituisce la meditata evoluzione della mostra La Reggia di Venaria e i Savoia conclusasi dopo sette mesi d'apertura il 12 maggio con mezzo milione di visitatori. Il percorso è stato studiato per essere in continuo cambiamento, e ciò sarà possibile grazie sia alla preziosa collaborazione di musei piemontesi e italiani sia a una mirata strategia di acquisti. Le opere presenti non saranno unite da un rigido vincolo di necessità come gli anelli di una catena, ma si porranno come come pietre – più o meno preziose – accostate l'un l'altra lungo il filo della storia. La scelta di svincolarsi dalla retorica dei capolavori a ogni costo consentirà di valorizzare opere il cui messaggio è affascinante, proprio perché nascosto.

Un esempio. La serie di scene architettoniche dipinte da Giovan Battista Bagnasacco e Giovanni Comandù. Le tele raffigurano alcune delle principali opere di Juvarra per i Savoia e appaiono, a un primo sguardo, una testimonianza della magnificenza della corte sabauda del Settecento. Esse, però, raccontano anche un'altra storia, più intima e drammatica. Furono dipinte, infatti, per volere di Carlo Emanuele IV e della moglie Maria Clotilde attorno al 1797, quando lo Stato sabaudo, sconfitto dalla Francia rivoluzionaria, era prossimo al collasso. I sovrani vollero farsi raffigurare in una di esse, non come erano allora, provati da lutti e sciagure, ma come erano stati nei giorni felici della giovinezza, trasfigurando così la scena d'architettura in un triste, ma non patetico, ricordo del proprio mondo di ieri, della cui fine erano ormai consapevoli.
Venaria conferma la decisione di fare della storia il proprio tema principale e di volerla raccontare attraverso il linguaggio dell'arte e della magnificenza. Si tratta d'una scelta – va detto senza timori – prima di tutto politica, nel senso più alto di questa parola. Da una parte, essa segna, infatti, il definitivo superamento dell'imbarazzo che per decenni dopo il 1946 ha segnato la coscienza del Piemonte.
Alla rottura del secolare legame con i Savoia non si volle, o non si poté, opporre una rielaborazione capace di dare un senso compiuto all'identità della Regione, che finì con ridursi, quasi appiattirsi, su quella della sua industria. Per decenni la storia dello Stato sabaudo non fu quasi più studiata e le residenze dei Savoia vissero la fase forse più triste della loro esistenza. Dalla fine degli anni Ottanta, la situazione è cambiata. La ripresa degli studi sul Piemonte sabaudo, sulla sua storia, la sua arte e la sua architettura ha trovato una puntale corrispondenza nella nuova attenzione verso le residenze sabaude e nel loro recupero.
Ci stiamo avvicinando al 150º anniversario dell'Unità nazionale, quando l'Italia dovrà riflettere sul senso stesso della sua esistenza. Il 2011 non sarà tanto una riflessione sul passato, quanto sul presente e sul futuro. Una riflessione cui la Reggia di Venaria intende partecipare da protagonista.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 21 al 24 Maggio 2020
1 Gli anni più belli 4822786   
2 Bad Boys for Life 882212   
3 Il richiamo della foresta 680273   
4 Parasite 5142949   
5 Sonic. Il film 2194723   
6 Odio l'estate 7339961   
7 Cattive acque 263009   
8 La mia banda suona il pop 240521   
9 Dolittle 4522635   
10 Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn) 348839   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-