ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Un museo firmato dall'ecologia

di Fulvio Irace

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
26 settembre 2008
Galleria fotografica

Acrobati cinesi e suonatori di tamburo nigeriani, ballerini e artisti del circo: con le loro esibizioni, al Golden Park di San Francisco hanno aperto un lungo weekend dedicato al rispetto ambientale e ai segreti della natura. Scelta obbligata nello Stato dell'Unione più convintamente ambientalista, e quanto mai opportuna per il battesimo di quello che già la stampa definisce il "museo più verde degli Stati Uniti", la California Academy of Sciences.
L'edificio ospita in un'unica sede dodici edifici costruiti a varie tappe in circa ottanta anni di vita, alcuni dei quali seriamente danneggiati dal terremoto del 1989 che distrusse anche i padiglioni in stile coloniale del vicino De Young Museum, ricostruito l'anno scorso su progetto degli svizzeri Herzog&deMeuron.

L'autore in questo caso è un italiano, anzi l'italiano più famoso in America visto che ha firmato in poco più di dieci anni tutte le più prestigiose istituzioni culturali del Paese, dalla sede del New York Times e della Morgan Library a New York, dal Kimbell Art Museum di Forth Worth alla Columbia University di New York: Renzo Piano.
Una «Ferrari a zero consumi e zero emissioni», la definisce Piano con ironia: un gioiello di alta tecnologia ad elevato gradiente poetico, dove per la prima volta in maniera convincente la sostenibilità esce fuori dal gergo degli ecologisti e dei costruttori edili per entrare organicamente nell'arte del costruire. Visto da lontano, infatti, il segno distintivo del museo è una sorta di prato sospeso al posto del tetto: una leggera ondulazione di colline erbose alta circa dieci metri sul suolo, come se un lembo di parco fosse stato sollevato per nascondervi sotto il mondo della scienza.

Non è un pensiero nuovo questo per l'architetto genovese: a Basilea, ad esempio, il Paul Klee Zentrum si presenta con l'aspetto di un campo coltivato, appena sollevato in un gioco di onde che estendono l'orografia caratteristica del luogo, nascondendo alla vista la struttura del museo. Mentre in Svizzera però le sale espositive sono calate in grandi caverne sottoterra, in California è il prato che levita sopra terra, creando un'intercapedine luminosa che dall'atrio si protende in direzione delle grandi sfere del Planetario e dell'Acquario, in una drammatica sequenza di spazi bassi e di vuoti altissimi. Come al solito per Piano, l'idea del progetto non nasce mai da una forma precostituita, ma da un processo di interpretazione del luogo e di individuazione dell'anima dell'architettura.

Quando nel 1999 fu invitato a un colloquio con i curatori e il direttore del Centro, fu l'unico ad arrivare senza una presentazione del futuro lavoro: davanti allo sguardo perplesso dei suoi interlocutori, raccattò dal tavolo dei fogli di carta e, ammettendo che non aveva nessuna idea di come sarebbe potuta essere l'architettura del nuovo museo, si mise a tracciare con pochi segni a matita le idee di base di un programma da seguire. Prima di tutto, la convinzione che bisognasse trovare un modo più adeguato di comunicare al pubblico il senso della ricerca scientifica. Poi la necessità che per convincere i visitatori dell'importanza di rispettare e comprendere la Natura, l'edificio stesso doveva essere come un laboratorio per la dimostrazione che si può costruire senza ferire la Terra. Per questo, la linea di colmo del museo non avrebbe sorpassato i dieci metri d'altezza e, come un tappeto flessibile, avrebbe girato attorno alle alte sfere del planetario e dell'acquario, costituendo la base per una serra all'aria aperta dove trapiantare alcune delle essenze originarie della California, prima che l'uomo intervenisse per trasformare il suolo arido della baia in un giardino.

Nell'architettura di Piano il tetto è sempre stato una componente essenziale per la definizione degli spazi e dei volumi: nella Fondazione Bayler di Basilea, ad esempio, le sale delle collezioni sono distribuite in un vuoto ininterrotto, coperto da una lastra sottile di metallo e di doghe mobili, che come palpebre di un occhio si aprono e chiudono al riverbero del sole. A San Francisco il tetto è però vivente, metafora costruita di un'architettura che si presenta come un organismo capace di respirare e di trasudare: rifiutando la pratica modernista del contenitore sigillato, il Centro non ha aria condizionata e la caratteristica più rivoluzionaria è costituita dalle maniglie delle grandi vetrate dei laboratori, apribili alle brezze della baia. «I musei - spiega Piano - di solito sono opachi e pieni di luoghi chiusi al pubblico. Sono il regno delle tenebre dove si entra con un certo timore. Qui siamo nel mezzo di un parco straordinario e non ha senso chiudersi dentro, tagliando fuori la natura».
Anche il tetto infatti è percorribile: e immergendosi nell'osservazione dell'habitat naturalistico ricreato in alta quota, il visitatore avrà la sensazione di cavalcare il dorso di un docile drago.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 21 al 24 Maggio 2020
1 Gli anni più belli 4822786   
2 Bad Boys for Life 882212   
3 Il richiamo della foresta 680273   
4 Parasite 5142949   
5 Sonic. Il film 2194723   
6 Odio l'estate 7339961   
7 Cattive acque 263009   
8 La mia banda suona il pop 240521   
9 Dolittle 4522635   
10 Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn) 348839   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-