ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Il segno lieve di Gavioli, il «Mago di Carosello»

di Fabrizio Lo Bianco

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
22 ottobre 2008
Galleria fotografica

Chi ha vissuto gli anni di «Carosello» probabilmente ricorda il milite romano «Caio Gregorio, er guardiano der pretorio» o lo spassoso ronzino di «Vitaccia cavallina, me scappa sempre la parolina» o, ancora, la preistorica famigliola di «Mammut, Babbut e Figliut». In questi giorni il comune di Rho (MI) rende omaggio all'autore di questi e tanti altri personaggi nelle sale di Villa Burba con la mostra «Gino Gavioli, il Mago di Carosello», organizzata dall'associazione culturale La Maiella.

Tavole originali, rodovetri (cioè i fogli in acetato sui quali vengono dipinti i singoli frame di un cartone animato) ma anche pupazzi e gadget d'epoca nati dalla prolifica fantasia di Luigi «Gino» Gavioli, milanese classe 1923, che insieme al fratello Roberto nel 1953 fondò la Gamma Film, vera e propria pioniera del cinema d'animazione tricolore. L'esposizione ripercorre le tappe principali della lunghissima carriera di Gavioli, dalle sue prime produzioni per «Carosello» fino agli attuali lavori a fumetti per il settimanale «Il Giornalino».

Negli anni sessanta, l'Italia rappresentava una delle punte di diamante del cinema d'animazione europeo. Sostenuta dal volano della RAI e di «Carosello», la cinematografia animata fiorì trascinata da una domanda crescente di spot pubblicitari capaci di imprimersi nella memoria dei telespettatori. Sono gli anni, dal 1957 al 1977, in cui a Milano si affermano, oltre alla Gamma Film, gli studi dei vari Pagot, dei Bozzetto, dei Manuli e dei Cavandoli. Un periodo forse irripetibile, in cui venivano prodotti centinaia di gingle e tormentoni in rima associati a testimonial di carta che spesso godevano di popolarità pari a quella degli attori in carne e ossa.

Negli anni sessanta, la Gamma Film divenne il più grande studio di disegni animati d'Europa e nel 1965 si aggiudicò la prestigiosa Palma d'Oro per la televisione al Festival di Cannes, oltre a numerosi altri premi in tutto il mondo. Fino al 1976, furono decine e decine i cortometraggi prodotti per la tv, ma la Gamma Film realizzò anche numerosi lungometraggi per il cinema: «La lunga calza verde» (1960), «La ballata del West» (1967), «Putiferio va in guerra» (1968), «Maria d'oro e Bello blu» (1975, inedito in Italia) e «Willy the What?» (inedito, per la Palomar USA). A sottolineare la freschezza e l'attualità delle tematiche e del segno grafico, «Putiferio va in guerra» (una parodia della guerra in cui protagonisti sono gli insetti) è stato restaurato dalla Cineteca Italiana e riproposto con successo al Festival di Venezia del 2007.

In mostra sono presenti alcuni dei personaggi più celebri di «Carosello» nati dalle matite di Gavioli: da «Il vigile Concilia» (1959) ai già citati «Caio Gregorio» (del 1960) e «Vitaccia cavallina» (1962), da «Ulisse e l'ombra» (1962) a «Capitan Trinchetto» (1965), da «Taca banda» (1968) a «Cimabue» («... fa una cosa e ne sbaglia due», 1972). In un certo senso, con i suoi disegni Gavioli ha segnato, inconsapevolmente, la memoria collettiva di buona parte degli italiani nati prima degli anni settanta, complice la RAI che operava in regime di monopolio e «Carosello» che, nel suo periodo d'oro, raggiunse picchi di 19 milioni di telespettatori a sera.

Alcuni dei testimonial a cartoni ebbero un tale successo che poi divennero protagonisti di storie a fumetti. Uno tra tutti, Derby di «Vitaccia cavallina» che ebbe una vita fumettistica propria sulle pagine del «Monello». L'avventura della Gamma Film terminò con la chiusura di «Carosello» e la conseguente crisi degli studi di animazione per i quali il mercato divenne inesorabilmente asfittico. Tuttavia Gino Gavioli proseguì il proprio percorso artistico e professionale intensificando la produzione come illustratore e fumettista. Ed è questo l'aspetto che forse più colpisce osservando i suoi lavori esposti a Villa Burba: l'eclettismo e la professionalità di un disegnatore che - pur mantenendo una cifra sempre riconoscibile nel suo tratto lieve, garbato e favolistico - è stato capace di sperimentare e amalgamare tecniche di derivazione cinematografica, fumettistica e pittorica in un segno inconfondibile. Argomenti storici, fiabeschi, religiosi, comici e avventurosi vengono trattati con una cura certosina da miniaturista medievale e allo stesso tempo con la freschezza dei grandi illustratori americani ed europei della seconda metà del '900.

Ancora oggi, Gino Gavioli, alla rispettabile età di 85 anni, disegna storie a fumetti per «Il Giornalino», settimanale per ragazzi delle Edizioni Paoline con il quale ha appena compiuto 49 anni di collaborazione. Mezzo secolo di sodalizio che ha dato vita a immaginifiche trasposizioni di classici come «Le mille e una notte», «Alice nel Paese delle Meraviglie», «Il libro della giungla», «Peter Pan», «Capitan Fracassa», «Il flauto magico», le favole dei fratelli Grimm e «Vita da cani», divertente serie comica disegnata su testi di Tiziano Sclavi, il «papà» di Dylan Dog.
La mostra si chiuderà domenica 2 novembre.

«Gino Gavioli, il Mago di Carosello»
Villa Burba – Rho (MI)
fino al 2 novembre 2008
Orario: 15 – 20
Chiuso il venerdì
Ingresso libero
Catalogo in mostra

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
Object not found!

Object not found!

The requested URL was not found on this server. If you entered the URL manually please check your spelling and try again.

If you think this is a server error, please contact the webmaster.

Error 404

212.45.99.77
Mon Apr 15 10:16:10 2024
Apache/2.2.12 (Linux/SUSE)

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-