ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Dall'Ermitage vedute italiane in stile Grand Tour

di Donata Marrazzo

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
23 novembre 2008
Claude Gellée (detto Lorrain) – Mattino al porto, 1640 ca., olio su tela, cm 73 x 98
Galleria fotografica

Una notte di luna piena sul golfo di Napoli, un concerto in gondola a Venezia, l'ingresso nel porto di Palermo al chiaro di luna. Mattino a Castellammare, scena in cucina e lezioni di musica: paesaggi e gente d'Italia che arrivano da lontano. Appartengono alle collezioni esposte all'Ermitage le sessanta opere in mostra nei musei di San Salvatore in Lauro a Roma: curata dal direttore del settore dell'arte figurativa dell'Europa occidentale del museo russo Sergej Androsov, l'esposizione rievoca il Grand Tour e il fascino esercitato dall'Italia sui viaggiatori russi dell'epoca imperiale.

Per più di due secoli, a partire dalla metà del Seicento, la pittura olandese, quella francese e grandi maestri italiani (Alessandro Magnasco e Clemente Spera, Francesco Zuccarelli, Antonio Cioci, Domico Brandi) dipingono golfi e marine, monumenti, porti e campagne solitarie, feste di piazza e campanili.
Claude Lorrain, Jan Miel, Claude-Joseph Vernet, Phillip Hackert, Theodore Gudin ricostruiscono i luoghi del Belpaese: nelle tele degli italianisti olandesi, dei francesi e degli stessi italiani si animano scene urbane, sfondi marinari e pastorali. Nella loro pittura del paesaggio vivono Napoli, Torino, Taormina, Genova, Firenze e, soprattutto, Roma.

Cascate, catene montuose, vicoli, pescatori e contadini. Ecco i Paesaggi laziali di Jan Frans van Bloemen, i monumenti nei dipinti di Hendrik Frans Van Lint e le strade e le piazze romane dei Bamboccianti, gli artisti che riproducono in chiave classica i ruderi di epoca romana, popolandoli di ruffiani, ladri, giocatori e bari alla maniera di Pieter van Laer: Johannes Lingelbach riunisce nel Mercato in piazza monumenti architettonici e statue e li arricchisce di dettagli, come i costumi e la mimica eloquente dei personaggi. Pennellate fiamminghe sulla tela di Norbert van Bloemen, una scena di genere in cui la luce di un mattino estivo avvolge la verdura fresca di un ambulante.
E' l'imbrunire nel quadro della Preghiera alla Vergine Maria e sullo sfondo si delinea il Pantheon. Sulla Festa di Napoli di Achenbach si accendono fiaccole e luminarie dalla riva di Santa Lucia: paesaggio notturno con intensi effetti di luce e di colore.
"In molti di questi artisti si esprime chiaro il tema del contrasto tra antico e moderno che – sottolinea il Soprintendente per il polo museale romano Claudio Strinati – in una terra come l'Italia convivono ancora oggi in una strana mescolanza di entusiasmo e indifferenza". Maestro di paesaggi ideali, Giovanni Paolo Panini, nel 1740 dipinge la Sibilla nelle rovine romane con statua di Apollo del Belvedere, fusione di monumenti e personaggi pittoreschi: l'opera è arrivata in Russia ai tempi di Caterina II. Di Claude-Joseph Vernet, maestro della luce notturna, invece, l'Ermitage possiede ben 28 tele (in mostra due scorci del sud, Castellammare al mattino, e Palermo al chiaro di luna), a testimonianza della passione dei collezionisti russi per i paesaggi italiani, almeno fino al Congresso di Vienna: da quel momento in poi l'interesse dei viaggiatori si sposta verso la fotografia capace "di catturare un ricordo vivente della propria esperienza italiana", precisa Sergej Androsov.

Come su un set fotografico Giulio Carlini a fine Ottocento dipinge "La famiglia Tolstoj a Venezia". Ritratto familiare sulla Riva degli Schiavoni, accompagnato da emblemi turistici: gondola, gondoliere e monumenti architettonici.
Complementare all'esposizione delle opere dell'Ermitage, la rassegna fotografica di Enrica Scalari: i soggetti sono gli stessi di quelli contenuti nei quadri ma attualizzati.

Visioni del Grand Tour dall'Ermitage (1640-1880)
Paesaggi e gente d'Italia nelle collezioni russe
Musei di San Salvatore in Lauro
Piazza San Salvatore in Lauro, 15, Roma
Fino al 22 febbraio 2009
Catalogo Il Cigno GG Edizioni
www.ilcigno.org

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 15 al 18 Agosto 2019
1 Spider-Man: Far From Home 8423323   
2 Serenity - L'isola dell'inganno 389190   
3 Edison - L'uomo che illuminò il mondo 385704   
4 Toy Story 4 5114389   
5 Annabelle 3 3045153   
6 Birba - Micio combinaguai 86541   
7 Domino 300161   
8 Aladdin 15204220   
9 Pets 2 - Vita Da Animali 3498645   
10 Nureyev. The White Crow 676636   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-