ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

Pina Bausch, addio in punta di piedi

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
30 giugno 2009
Pina Bausch (SASCHA SCHUERMANN/DDP/INFOPHOTO)

Quando la vedevi, scheletrica e con i piedi enormi – calzava 41 – sembrava quasi fosse un cartone animato pronto a combinarne una delle sue. A Pina Bausch (1940-2009), in realtà, quegli arti apparentemente sproporzionati servivano per sorreggere l'utopia organicistica del suo Tanztheater (in italiano: "Teatro della danza"). Regista teatrale? Interprete? Coreografa? Nein e poi nein. Bausch Philippine, detta Pina, fu, piuttosto una «compositrice di danze». Una melomane che trasferì, attraverso l'uso totale del corpo, l'esperienza della vita dentro il teatro e la suggestione del palcoscenico nei meandri dell'esistere. A partire dalle sale d'Opera più illustri di tutto il mondo. Sature d'obsoleta tradizione e pronte ad accogliere - in molti casi senza nulla da perdere - la sfida delle grandi Avanguardie sociali germaniche, rivitalizzate dal vibrante benessere postbellico.
Fu cantrice di "esperienze", la Bausch. E fuse, in maniera quasi cinematografica, le maggiori arti della drammatizzazione (sonora, visiva, plastica) ponendo, al centro, il corpo. Sempre. Corpo come strumento e, al tempo stesso, fine dell'espressione etico/estetica umana. Body art, quasi.

Fu una piccola-grande donna multitasking, la Bausch. Fu persino contessa cieca per Fellini.
Nel frattempo, la muffa cabarettistico-televisiva avvolgeva le sue magiche creature di carne, le cui movenze evocanti il divino, s'andavano smorzando sempre più.
La civiltà tecnologica imprimeva il suo marchio anche sui lavori della geniale Pina. Spettacoli sempre più brevi, ruoli muti o meccanici per i ballerini di ultima generazione. Quelli con cui lei non si sentiva per nulla a proprio agio. Ai quali non le riusciva in alcun modo a comunicare quella sua idea così estrema di teatro, da sembrare di un altro pianeta.
Poi, quest'anno, improvvisamente, il Festival dei Due Mondi di Spoleto l'ha inserita in cartellone, invitandola.
E lei, imprevedibile come non mai e a qualche giorno dalla prevista ri-apparizione, esce di scena per sempre. In impeccabile punta di piedi.
Damiano Laterza

30 giugno 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 21 al 24 Maggio 2020
1 Gli anni più belli 4822786   
2 Bad Boys for Life 882212   
3 Il richiamo della foresta 680273   
4 Parasite 5142949   
5 Sonic. Il film 2194723   
6 Odio l'estate 7339961   
7 Cattive acque 263009   
8 La mia banda suona il pop 240521   
9 Dolittle 4522635   
10 Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn) 348839   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-