Per una volta siamo un passo avanti rispetto ai cugini britannici su un tema delicato come l'omosessualità. Purtroppo non centrano le leggi sui diritti, quelle sono ancora arenate in Parlamento, centra invece il cinema. Da Sodoma a Hollywood -Torino GLBT Film Festival (15-22 aprile) spegne venticinque candeline, una in più rispetto al BFI London Lesbian & Gay Film Festival conclusosi con successo nel mese di marzo. Una bella soddisfazione essere i primi d'Europa. La kermesse ha sempre tenuto gli occhi puntati sull'argomento, era (ed è) il suo scopo, ma oggi l'attenzione di produzioni e distribuzioni pare accentuarsi; negli ultimi anni sono aumentati i titoli in cartellone: si pensi a Colpo di fulmine, appena uscito nelle sale, con Jim Carrey ed Ewan McGregor innamorati, a Milk con Sean Penn, ai nostri Diverso da chi? e Mine vaganti in cui Ferzan Ozptek ha messo nei panni di omosessuale il sex symbol Riccardo Scamarcio. Stessa sorte è capitata alla star internazionale Robert Pattison (Twilight) che vedremo a Torino in Little Ashes nelle vesti di un Salvator Dalì diciottenne imbrigliato nella tela amorosa e intellettuale del poeta Federico García Lorca. Anche Nicole Kidman e Gwyneth Paltrow in The Danish Girl si cimenteranno nel ruolo di coppia lesbo.

In attesa che cresca il numero delle produzioni, il festival "Da Sodoma a Hollywood" festeggia l'importante traguardo con delle novità. Prima di tutto il premio "Dorian Gray" alla carriera che andrà a James Ivory, regista che ha lasciato il segno nella community gay di tutto il mondo con il suo Maurice, interpretato nel 1987 da uno Hugh Grant ancora sconosciuto e sorprendentemente drammatico. Per l'occasione il regista californiano presenterà il suo nuovo film The City of Your Final Destination, tratto dall'omonimo romanzo di Peter Cameron (in giuria). L'altra novità è il prolungamento del festival nella capitale: dal 23 al 25 aprile presso il Nuovo Cinema L'Aquila si svolgerà Queering Roma. Sull'intero programma composto da circa 175 opere tra lungometraggi, corti e documentari, in concorso e non, spicca la retrospettiva "I venticinque film che ci hanno cambiato la vita", summa delle edizioni trascorse in cui si passano in rassegna titoli rappresentativi del passato e del presente.

Non poteva mancare Happy Together (1997) di Won Kar-Wai, scelto dal popolo del web, Bent (1997) del britannico Sean Mathias, con un giovane Jude Law, un film sull'amore ai tempi dell'Olocausto con la colonna sonora di Philip Glass e Jeffrey (1995) di Christopher Ashley dove per la prima volta viene affrontato il tema dell'Aids in chiave di commedia. Nel cast Sigourney Weaver e a Patrick Stewart. Per l'occasione si ricordano anche i quarant'anni di Festa per il compleanno del caro amico Harold di William Friedkin che all'epoca sollevò non poche discussioni. A tagliare il nastro di partenza sarà Claudia Cardinale che presenterà Le Fil, del tunisino Mehdi Ben Attia.

Da Sodoma a Hollywood - Torino GLBT Film Festival
15-22 aprile, Ambrosio Cinecafé e Cinema Ideal Cityplex
Diretto da Giovanni Minerba

Il sito ufficiale
Il trailer di Little Ashes
Il trailer di Happy Together

 

Shopping24