ILSOLE24ORE.COM > Notizie Cultura e Tempo libero ARCHIVIO

di Boris Sollazzo

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
8 ottobre 2009




Ricky – Una storia d'amore e libertà

Se c'è un regista francese che non può essere accusato di ripetere sempre lo stesso film, quello è François Ozon. A suo agio con i generi più vari, omaggiati o rivisitati con scelte stilistiche mai banali, ora ci sorprende con un film forse non tra i più riusciti della sua filmografia, ma sicuramente originale e curioso come «Ricky». È la storia di un bambino nato dalla relazione tra un'operaia e un collega conosciuto in fabbrica, a cui spuntano misteriosamente due ali: all'inizio simili a quelle di un pollo, ma destinate a crescere fino a sembrare quelle di un angelo. La donna, che ha già una figlia, cerca di nascondere finché può questa stranezza, ma quando la storia diventa di dominio pubblico, lei e il suo compagno si porranno il problema di come proteggere la loro particolare creatura.

Ispirandosi al racconto «Moth» di Rose Tremain, Ozon concepisce un apologo sulla diversità, la libertà e l'amore, che si situa all'incrocio tra una commedia sociale alla Ken Loach e una fiaba grottesca e surreale. Buona l'idea, ma discontinuo il risultato. Il film convince più nella prima parte dal sapore neorealista che in quella dove l'elemento fantastico irrompe nella storia (da lodare comunque gli effetti visivi con cui sono rese le ali del bambino). Tutta questa sezione con una impronta surreale vive solo a sprazzi (ad esempio la scena del supermercato e il suggestivo finale), ma può contare almeno su una certa dose di ironia. Complessivamente una pellicola coraggiosa e inusuale, che, pur non fino in fondo risolta, ha il merito di farci scoprire, accanto al talento ormai consolidato di Sergi López, quello di Alexandra Lamy.

Voto: 6

Ricky – Una storia d'amore e libertà
Titolo originale: «Ricky»; Regia: François Ozon; Sceneggiatura: François Ozon, in collaborazione con Emmanuèle Bernheim, dal racconto «Moth» di Rose Tremain; Fotografia: Jeanne Lapoirie; Montaggio: Muriel Breton; Scenografia: Katia Wyszkop; Costumi: Pascaline Chavanne; Musica: Philippe Rombi; Produzione: Eurowide Film Production, Teodora Film, FOZ; Distribuzione: Teodora Film; Interpreti: Alexandra Lamy, Sergi López, Mélusine Mayance, Arthur Peyret, André Wilms, Jean-Claude Bolle-Reddat, Julien Haurant, Eric Forterre; Origine: Francia/Italia; Anno: 2009; Durata: 90'.

Sito italiano
8 ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio


L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
 
Aguilera ambasciatrice contro la fame
La consegna dei David di Donatello
Man Ray a Fotografia Europea
Elegante e brutale. Jean-Michel Basquiat alla Fondation Beyeler di Basilea
"World Press Photo 2010". Fotografie di autori vari
 
 
dal 21 al 24 Maggio 2020
1 Gli anni più belli 4822786   
2 Bad Boys for Life 882212   
3 Il richiamo della foresta 680273   
4 Parasite 5142949   
5 Sonic. Il film 2194723   
6 Odio l'estate 7339961   
7 Cattive acque 263009   
8 La mia banda suona il pop 240521   
9 Dolittle 4522635   
10 Birds of Prey (e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn) 348839   
tutti i film nelle sale » tutti i dettagli »

Trovo Cinema

Scegli la provincia
Scegli la città
Scegli il film
Tutti i film
Scegli il cinema
Tutti i cinema
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-