Parma-Torino 1-0: Subito sotto il segno di Rossi

* Goal.com *

Parma - Le statistiche servono. E Zac, guardando il tabellone del Tardini alla fine di Parma-Torino, continua a odiare quella che lo accomuna ai giallobl¨. Sette sconfitte nelle sue ultime sette partite in Emilia, nessun gol fatto. Quello che lo castiga stavolta Ŕ giovane, speranzoso, ha voglia di emergere e regalare la salvezza ad un Pioli molto meno in bilico di quanto fosse prima del match: Giuseppe Rossi.   Tifosi giallobl¨ che chiamano all'unitÓ, tifosi granata che agitano le loro sciarpe. Emiliani che disegnano una "A" grande tutta la curva col monito "Lottiamo per restarci", torinisti che strizzano l'occhiolino all'Europa. Si parte con qualche sorpresa di formazione: Pioli non convoca Contini, manda in campo Perna e schiera il 3-4-1-2, mentre Zaccheroni lascia a casa l'influenzato Di Loreto in luogo di Brevi, dando un'altra chance a Fiore e Muzzi ("Non sono uno che pu˛ giocare solo trenta minuti", aveva detto in settimana l'attaccante romano).   La vera attrazione del giorno, per˛, Ŕ un fringuellino di nome Giuseppe Rossi. Un tipetto che finora era stato spiato su Sky e che, tornando "a casa" dopo i due anni al Man Utd, fa capire che c'Ŕ gente giovane dal cognome italiano da poter inserire nella pagina delle figurine Panini alla voce "campionissimi". Salta l'uomo, prova il tiro, ha la personalitÓ per giocarsi la carta "numero" su Brevi, insomma, un giocatore vero che diventa ancor pi¨ importante se guardi la sua carta d'identitÓ: Ŕ nato nel 1987. Basta e avanza per dare un buon motivo di speranza ai tifosi del Parma, ottimi nel sostegno alla squadra e che hanno bisogno (come rimarcato da diversi striscioni esibiti sugli spalti) di una societÓ. Anche il Toro ha un campioncino, si chiama Ale Rosina e con un paio di accelerazioni ed idee mette in tilt la difesa ducale, una delle quali consente a Muzzi di sparare sull'esterno della rete di Bucci. Pioli rischia lasciando un marcantonio come Paci dalle sue parti anche se l'ex ascolano dÓ ragione al tecnico costringendo "Rosinaldo" ad emigrare nella zona di Perna, scambiandosi il raggio d'azione con Fiore, meno brillante rispetto alla sfida di sette giorni fa con l'Inter. Morfeo prova il fendente tra una falciata e l'altra (De Ascentis e Barone gli autori), Zaccheroni chiede agli esterni Comotto e Balestri di stare pi¨ alti, Budan sveste i panni del finalizzatore, sfiorando comunque il gol al 20', per fare il suggeritore del fringuello con la maglia numero otto. Nulla di questo basta, il tabellino rimane illibato, nonostante la volontÓ (pi¨ del Parma che del Toro) sia quella di esultare.   Nessun cambio ad inizio ripresa, Comotto continua a fare l'ala contro Castellini anche se di occasioni vere e proprie non ce ne sono. Rossi Ŕ ancora in palla, Cioffi deve stenderlo sulla destra per fermarlo e Mazzoleni lo grazia. Sulla punizione Ŕ ancora il talentino ex diavolo rosso a provare a pescare l'incrocio: fuori di poco. Di azioni pericolose, fino al 60', ce ne sono ben poche e bisogna attendere che le due squadre si allunghino per sperare di annotare qualcos altro sul taccuino. Sul cross di Comotto (62'), Castellini la tocca col braccio ma ha ragione Mazzoleni: l'ex giocatore del Betis ha l'arto in posizione congrua, il fatto che non sia calcio di rigore non Ŕ poi cosý scandaloso. Nel tam tam degli errori di impostazione, Bolano riesce a dare continuitÓ alla sua ottima prova, scagliando un fendente in mezzo all'area su cui Rossi prova a tuffarsi sfiorando l'appuntamento con la storia di un nulla. Zac ridisegna il Toro: Gallo va al fianco di Barone a metÓ campo, Rosina fa l'unico rifinitore e Stellone va a sostituire da puntero Muzzi. Serve? No, perchŔ nel primo tempo uno dei ventidue aveva dato avvisaglia di voler finire in copertina e in copertina finirÓ, visto ci˛ che ha fatto al 75'. Welcome back Giuseppe Rossi, stop di suola, superdribbling su Balestri, De Ascentis e Franceschini e sinistro vincente. LÓ dove giocava fino a qualche giorno fa, avrebbero detto: "What a goal!". Uno a zero. Parma esplode (e spera). Scocca l'ora di Abbruscato, il Toro ci prova con due punte e Gallo (altro nuovo entrato) prova a disegnare una giocata super senza fortuna. Stessa sorte per Franceschini, che fa la bicicletta chiamando Bucci alla presa bassa. A dare il via al tempo di recupero Ŕ il battibecco tra Morfeo e Rosina (col granata a terra dopo una scivolata del parmense), e a chiuderlo invece Ŕ la notizia del giorno in Emilia: il Parma torna alla vittoria dopo quasi tre mesi, e non solo. Ha con la maglia giallobl¨ un campioncino da sfruttare per sei mesi. Lo ripetiamo: welcome back Giuseppe Rossi.   Daniele Perticari   Il tabellino   Parma-Torino 1-0 (primo tempo 0-0)   Reti: 75' Rossi (P)   PARMA (3-4-1-2): Bucci 6; Paci 6.5, Couto 6.5, Perna 6; Ferronetti 6, Grella 6.5, Bolano 7 (76' Dessena 6), Castellini 6; Morfeo 6; G.Rossi 7.5 (83' Muslimovic sv), Budan 6.5. A. disp: Virgili, M.Rossi, Bocchetti, Gasbarroni, Savi. All. Pioli 6.5   TORINO (3-4-2-1): Taibi 6; Brevi 5.5, Cioffi 5.5, Franceschini 5; Comotto 6, Barone 5.5 (78' Abbruscato sv), De Ascentis 5.5, Balestri 5; Rosina 6, Fiore 5.5 (70' Gallo); Muzzi 5.5 (70' Stellone). A disp: Fontana, Ogbonna, Pancaro, Lazetic. All. Zaccheroni 5.5   ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo   AMMONITI: Perna (P), Cioffi (T), Barone (T), Franceschini (T), Castellini (P), Bolano (P) per gioco falloso