FINANZA &MERCATI

 
 
 
 

Cardia, subito sull'Opa una legge più difensiva

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
Sabato 11 Ottobre 2008

di Orazio Carabini
Una modifica della passivity rule in caso di Opa e la riduzione dal 2 all'1% della soglia oltre la quale scatta l'obbligo di comunicare la partecipazione in una quotata: così Consob e Governo stanno pensando di proteggere le grandi società italiane da indesiderate aggressioni.

La giornata del presidente Lamberto Cardia non era cominciata bene: la regina del listino, l'Eni, non riusciva ad aprire tanti erano gli ordini di vendita. Ed era proseguita con una serie di contatti telefonici con le altre Consob europee sul tema: «È il caso di chiudere i mercati?». I tedeschi non sembravano ostili ma Cardia è stato tra i più fermi nel dire no a questa ipotesi, ripiegando su un'altra misura di dissuasione: il blocco delle vendite allo scoperto su tutti i titoli fino alla fine del mese.

Con il passare delle ore si affacciavano altri dubbi. Mentre tutti vendono,nell'attuale turbolenza dei mercati, è infatti prudente porsi anche la domanda: «E se qualcuno approfittasse della depressione per scalare?». La legislazione sull'Opa in Italia è tra le più permissive d'Europa. Anche dopo il recepimento della direttiva che altri Paesi hanno invece utilizzato per stringere le maglie. E alle quotazioni di oggi la Borsa è un bazar dei buoni affari. Tutta l'Eni vale 62,5 miliardi e l'Enel 32,8. Le due maggiori banche, Intesa Sanpaolo e UniCredit, rispettivamente 38,1 e 34,7 miliardi. Mediobanca, il cuore del sistema, vale 7,2 miliardi. Le Generali 30,6 miliardi e Telecom Italia addirittura 11,5 miliardi. Le reti dell'energia Snam Rete Gas (8,1) e Terna (4,7) sono ancor più a buon mercato. Come Mediaset ( 4,7) e le regine del manifatturiero: Fiat (7,8) e Finmeccanica (6,3).

In molti casi non sarebbe neanche necessario lanciare un'Opa su tutto il capitale: basterebbe acquistare il 29,9% e si avrebbe il controllo. Per comandare in Telecom sarebbero sufficienti meno di 4 miliardi, in UniCredit una dozzina, nelle Generali una decina. Se qualche " ardimentoso" si volesse cimentare, non farebbe grandi sforzi per raccogliere le munizioni necessarie. Certo, andrebbe incontro alla probabilissima avversione del Governo ma intanto avrebbe messo insieme un pacchetto importante.

Ecco allora che Cardia e il Governo si mettono in moto per "prevenire" sgradite sorprese: in questa fase le regole sono saltate, qualche misura di emergenza ci può stare. Bastano un paio di modifiche al Tuf, il Testo unico della finanza, e si rende più difficile la vita agli scalatori. Oggi, se una società viene aggredita con un'Opa, il suo management non può mettere in atto misure difensive se non dopo l'autorizzazione dell'assemblea. La regola potrebbe essere cambiata in modo che il management si possa sempre difendere a meno che lo statuto della società non preveda espressamente un divieto per questo tipo di operazioni.

Si darebbe quindi alle imprese aggredite la possibilità di chiamare in soccorso un "cavaliere bianco", oppure di aumentare il costo dell'operazione per l'aggressore con aumenti di capitale, conversione di azioni di risparmio in ordinarie, acquisto di azioni proprie, concambi convenienti, oppure ancora di dismettere attività per ridurre l'interesse dell'aggressore.

Una seconda modifica riguarda gli obblighi di comunicazione delle partecipazioni rilevanti. Oggi scatta quando un investitore supera la soglia del 2%: se il limite fosse ridotto all'1% i campanelli d'allarme suonerebbero prima e sarebbe più facile predisporre le difese. Nel frattempo la Consob ha chiesto a 40 intermediari di segnalare tutte le operazioni di dimensioni "sospette". Quelle che i più furbi fanno per "nascondersi", frammentando gli acquisti tra vari intermediari per poter uscire allo scoperto solo al momento giusto.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-