ITALIA

 
 
 

 
HOME DEL DOSSIER

18 Febbraio 2010

16 Febbraio 2010

17 Febbraio 2010

15 Febbraio 2010

14 Febbraio 2010

12 Febbraio 2010

11 Febbraio 2010

10 Febbraio 2010

9 Febbraio 2010

8 Febbraio 2010

7 Febbraio 2010

6 Febbraio 2010

5 Febbraio 2010

4 Febbraio 2010

3 Febbraio 2010

2 Febbraio 2010

1 Febbraio 2010

31 Gennaio 2010

30 Gennaio 2010

29 Gennaio 2010

28 Gennaio 2010

27 Gennaio 2010

26 Gennaio 2010

25 Gennaio 2010

24 Gennaio 2010

23 Gennaio 2010

22 Gennaio 2010

21 Gennaio 2010

20 Gennaio 2010

19 Gennaio 2010

18 Gennaio 2010

17 Gennaio 2010

16 Gennaio 2010

15 Gennaio 2010

14 Gennaio 2010

13 Gennaio 2010

12 Gennaio 2010

La fiducia e la ripresa a strappi

di Alberto Orioli

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
13 gennaio 2010

La ripresa c'Ŕ ma procede a balzi e strappi sulla mulattiera delle cose dell'economia. Ieri due buone notizie dal mercato dei titoli di stato, subito contraddette da un brutto dato sugli investimenti nelle infrastrutture. E l'idea di un capitale di fiducia ancora da spendere al meglio. La domanda di BoT Ŕ stata pi¨ che doppia rispetto alla disponibilitÓ dei titoli in asta: significa che il rischio Italia Ŕ basso. Sul mercato sono finiti titoli a tre mesi per 3,5 miliardi a fronte di richieste per oltre nove. Il rendimento pi¨ basso di sempre, sceso allo 0,37%, non ha scoraggiato la corsa ai bond made in Italy. Ulteriore conferma della fiducia verso la nostra economia, rafforzata poi dalla netta separazione di giudizio che i mercati hanno mantenuto rispetto all'emissione gemella dei titoli di stato della Grecia. Chi si aspettava – e non erano pochi – che i BoT emessi a Roma avrebbero dovuto pagare un sovrapprezzo per "competere" con l'emissione di Atene Ŕ rimasto deluso. Il superpremio (oltre 200 punti base) che il Tesoro greco ha dovuto applicare per consentire il successo dell'asta non ha costretto il governo italiano a correggere al rialzo il premio ai propri titoli.

La fiducia degli investitori non ha tradito, Ŕ rimasta "a buon prezzo": sarÓ il miglior propellente per una ripresa che possa essere la pi¨ rapida possibile, in tempi di riemersioni comunque lente. Per alimentarla – la fiducia – serve per˛ il classico circuito virtuoso degli investimenti. Non Ŕ un buon viatico il calo del 7-8% dell'anno scorso nella spesa pubblica, soprattutto se accostato al ribasso del 3,5% per il 2010. Gli investimenti sono i muscoli della ripresa. Che almeno li usino gli enti locali, cui Ŕ stata concessa una deroga ai vincoli di bilancio. Sarebbe grave se le nuove disponibilitÓ finissero bruciate solo in operazioni di belletto per bilanci.

13 gennaio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-