ITALIA

 
 
 

 
HOME DEL DOSSIER

8 Maggio 2010

7 Maggio 2010

6 Maggio 2010

5 Maggio 2010

4 Maggio

3 Maggio 2010

1 Maggio 2010

30 Aprile 2010

29 Aprile 2010

28 Aprile-2010

26 Aprile 2010

25 Aprile 2010

24 Aprile 2010

23 Aprile 2010

22 Aprile 2010

21 Aprile 2010

20 Aprile 2010

19 Aprile 2010

18 aprile 2010

17 Aprile 2010

16 Aprile 2010

15 Aprile 2010

14 Aprile 2010

13 Aprile 2010

12 Aprile 2010

11 Aprile 2010

10 Aprile 2010

9 Aprile 2010

8 Aprile 2010

7 Aprile 2010

6 Aprile 2010

4 Aprile 2010

3 Aprile 2010

2 Aprile 2010

1 Aprile 2010

L'economia con la testa tra le nuvole

di Giorgio Santilli

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
20 aprile 2010
L'economia con la testa tra le nuvole


Signori, si vola (speriamo, almeno). Dopo cinque giorni di disagi che hanno paralizzato il continente, i ministri dei Trasporti dei 27 paesi dell'Unione hanno battuto un colpo. Un mini-accordo sottoscritto in videoconferenza autorizza gli enti nazionali di controllo del volo a riaprire gli aeroporti, almeno parzialmente.
La tenuta effettiva dell'intesa si valuterÓ nelle prossime ore. Possiamo intanto dire che questo accordo Ŕ figlio, ancora una volta, dell'iniziativa fai-da-te di qualche stato, piuttosto che di una politica europea concertata in armonia.
La riapertura degli scali Ŕ stata resa possibile dalla forzatura del blocco che le compagnie aeree olandesi, francesi e tedesche, hanno fatto negli ultimi due giorni, con il sostegno dei governi. Numerosi voli sperimentali hanno dimostrato sul campo che i pericoli indotti dalla nuvola erano minimi, almeno a una distanza crescente dal vulcano. Di fronte all'inerzia di Bruxelles, Ŕ stata ancora una volta l'iniziativa di singoli stati a decidere in quale direzione andare.
In discussione qui non Ŕ la prioritÓ della sicurezza del trasporto aereo, che in questi giorni Ŕ stata ribadita in ogni comunicato dalle autoritÓ europee e nazionali.Nel mirino c'Ŕ l'utilizzo strumentale del tema-sicurezza come scudo per restare inerti di fronte all'emergenza. Mentre milioni di europei erano bloccati negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie, l'Unione si Ŕ trovata ancora una volta prigioniera di strumenti normativi troppo rigidi e di un vuoto di iniziativa politica che avrebbe potuto colmare le lacune di quelle rigiditÓ. Aspettare gli eventi, crogiolandosi con le astratte previsioni del modello matematico del Met Office inglese, senza sentire l'esigenza di misure straordinarie di verifica sul campo per far ripartire i voli, fotografa tutta la distanza abissale fra le decisioni tentennanti delle autoritÓ di Bruxelles e la vita reale di cittadini e imprese europei.

20 aprile 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-