ITALIA

 
 
 

 
HOME DEL DOSSIER
23 novembre 2009

21 novembre 2009

20 novembre 2009

19 novembre 2009
18 novembre 2009
17 novembre 2009
16 novembre 2009
12 novembre 2009
11 novembre 2009
10 NOVEMBRE 2009
9 NOVEMBRE 2009
8 Novembre 2009
7 novembre 2009
6 novembre 2009
2 novembre 2009
1 NOVEMBRE 2009
31 ottobre 2009
30 ottobre 2009
29 ottobre 2009r
28 ottobre 2009
27 ottobre 2009
26 OTTOBRE 2009
25 ottobre 2009
24 Ottobre 2009
23 ottobre 2009
22 ottobre 2009
21 ottobre 2009
20 ottobre 2009

Una bolla impossibile per Fed e Bce

di Wolfgang MŘnchau

Pagina: 1 2 di 2 pagina successiva
commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
20 Ottobre 2009

Non abbiamo bisogno di aspettare che il Dow Jones tocchi quota 10mila. ╚ evidente giÓ da un po' che la bolla dei mercati azionari globali sta tornando a gonfiarsi. Apparentemente come nel 2003 e nel 2004, quando cominciarono a gonfiarsi le precedenti bolle (immobiliare, del credito, delle materie prime e delle azioni), coadiuvate dai bassi tassi di interesse e dalla mancanza di inflazione. C'Ŕ una grande differenza, per˛: questa volta la bolla scoppierÓ pi¨ in fretta.
Come facciamo a sapere che Ŕ una bolla? I miei indicatori preferiti, per la valutazione del mercato azionario, sono il Cape, che tiene conto del rapporto prezzi/utili corretto in base alla congiuntura, e il Q. Il Cape Ŕ stato inventato da Robert Shiller, professore di economia e finanza a Yale, e calcola la media mobile decennale del rapporto prezzi/utili. Il Q calcola la capitalizzazione di mercato divisa per il patrimonio netto. I dati sul Q, un concetto inventato dall'economista James Tobin, sono stati raccolti da Andrew Smithers (Wall Street Revalued: Imperfect Markets and Inept Central Bankers, Wiley 2009). Cape e Q misurano cose diverse, ma quasi sempre giungono alle stesse conclusioni sul mispricing relativo del mercato. A metÓ settembre, tutti e due hanno segnalato che il mercato azionario Usa era sopravvalutato del 35-40 per cento. Da quel momento, i mercati sono saliti molto di pi¨ rispetto alla media mobile degli utili. Potete farvi i conti.
L'unica ragione per questa nuova bolla Ŕ il livello estremamente basso dei tassi di interesse nominali, che ha indotto la gente a trasferire gli investimenti su attivitÓ rischiose di ogni genere. Perfino i prezzi delle case sono tornati a salire. Non sono mai scesi a livelli coerenti con il rapporto prezzo/affitto e prezzo/reddito di lungo termine, che sono indicatori affidabili della sopravvalutazione o sottovalutazione relativa del mercato immobiliare.
A differenza di cinque anni fa, le banche centrali devono oggi provvedere sia alla stabilitÓ monetaria sia a quella finanziaria. Due obiettivi, come Ŕ stato sottolineato, che entrano facilmente in rotta di collisione. In Europa, ad esempio, la Bce in circostanze normali avrebbe giÓ cominciato ad alzare i tassi di interesse. Se non sta facendo nulla Ŕ perchÚ vuole evitare di nuocere al sistema bancario europeo, affetto da sottocapitalizzazione cronica, che ancora dipende dalla Bce per la sua sopravvivenza. Lo stesso vale, pi¨ o meno, anche altrove.
Anche io credo che nei prossimi 12 mesi non ci sarÓ nessuna prospettiva di un aumento significativo dell'inflazione, ma le chances aumentano considerevolmente dopo il 2010. Quando la percezione di un'inflazione in crescita sarÓ tornata in scena, le banche centrali potrebbero essere costrette a passare, in tempi relativamente rapidi (pi¨ rapidi rispetto al ciclo precedente) a una politica monetaria pi¨ aggressiva. Un breve boom inflazionistico potrebbe essere seguito da un'altra recessione, un'altra crisi del sistema bancario e forse una deflazione. Inflazione e deflazione non vanno visti come scenari alternativi, ma sequenziali. Potremmo andare incontro a un periodo di estrema instabilitÓ dei prezzi, verso l'alto e verso il basso, se le banche centrali perdono il controllo della situazione.
╚ esattamente quanto previsto dall'economista Hyman Minsky nella sua ipotesi dell'instabilitÓ finanziaria (Stabilising an Unstable Economy). Minsky ipotizzava che un mondo con un grande settore finanziario e un'enfasi eccessiva sulla produzione di beni d'investimento crea instabilitÓ sia sul piano della produzione sia su quello dei prezzi.
Se queste, secondo Minsky, sono le cause profonde dell'instabilitÓ, il meccanismo che porta all'insorgere dell'instabilitÓ Ŕ il modo in cui governi e banche centrali reagiscono alle crisi. Lo stato ha strumenti potenti per mettere fine a una recessione, ma le misure che mette in campo creano le condizioni per la fase d'instabilitÓ successiva. Minsky si bas˛ su dati prevalentemente degli anni 70 e dei primi 80, ma la sua teoria descrive ottimamente quel che Ŕ successo all'economia globale da allora, specialmente nell'ultimo decennio. Il mondo ha assistito a una proliferazione di bolle finanziarie e instabilitÓ economica estrema, che nessuno dei modelli macroeconomici consolidati pu˛ spiegare. Minsky Ŕ pi¨ o meno tutto quello che abbiamo.
Le sue conclusioni, quanto a misure da adottare, lasciano turbati, specialmente se le confrontiamo con quello che sta succedendo. Nella loro risposta alla crisi, i leader mondiali si sono concentrati sui bonus e altre questioni collaterali irrilevanti. Ma non hanno affrontato il problema delle dimensioni complessive del settore finanziario. Se Minsky ha ragione, dunque, l'instabilitÓ continuerÓ e peggiorerÓ.
La nostra situazione attuale pu˛ produrre due scenari o una combinazione di essi. Il primo Ŕ quello in cui le banche centrali avviano l'exit strategy nel 2010, innescando un'altra caduta dei prezzi degli asset a rischio. Nel Regno Unito, per esempio, un ritorno a una politica monetaria normale implicherÓ quasi inevitabilmente un'altra caduta del mercato immobiliare, attualmente tenuto in piedi dalle condizioni ultraconvenienti dei mutui.
In alternativa, le banche centrali potrebbero dare prioritÓ alla stabilitÓ finanziaria, invece che alla stabilitÓ dei prezzi, e tenere aperte le paratie monetarie il pi¨ a lungo possibile. Una cosa del genere, secondo me, provocherebbe la madre di tutte le crisi finanziarie (un crack del mercato obbligazionario) destinato a essere seguito da depressione e deflazione.
  CONTINUA ...»

20 Ottobre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagina: 1 2 di 2 pagina successiva
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-