ITALIA

 
 
 

 
HOME DEL DOSSIER

9 dicembre 2009

8 DICEMBRE 2009

7 dicembre 2009

6 dicembre 2009

5 dicembre 2009

4 dicembre 2009
03 dicembre 2009
2 dicembre 2009
1 DICEMBRE 2009
30 novembre 2009
29 novembre 2009
28 novembre 2009
27 novembre 2009
26 Novembre 2009
25 novembre 2009
24 novembre 2009
23 novembre 2009
22 novembre 2009

21 novembre 2009

20 novembre 2009

19 novembre 2009
18 novembre 2009
17 novembre 2009
16 novembre 2009
15 novembre 2009
14 novembre 2009
13 novembre 2009
12 novembre 2009
11 novembre 2009
10 NOVEMBRE 2009
9 NOVEMBRE 2009
8 Novembre 2009
7 novembre 2009
6 novembre 2009
5 novembre 2009
4 Novembre 2009
3 novembre 2009
2 novembre 2009

Dai privati la stabilitÓ dei bilanci

di Martin Wolf

Pagina: 1 2 di 2
commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
4 novembre 2009

«... PAGINA PRECEDENTE
Quali sono, le strade per rimettere in sesto i bilanci pubblici, in particolare nei paesi dove Ŕ pi¨ forte il deficit? Serve una ripresa della spesa privata interna abbinata a un'impennata delle esportazioni (e quindi a un calo degli afflussi di capitale netti). Se la ripresa verrÓ in misura largamente prevalente dal rilancio della spesa privata, assisteremo a un ritorno del disavanzo del settore privato, come prima della crisi; ma questo significherebbe quasi certamente un'altra impennata della leva finanziaria. Sarebbe un caso di aggiustamento rimandato e, ancor peggio, di nuove bolle. In alternativa, potrebbe esserci un aumento dell'export, ma anche questo comporta un incremento della spesa in rapporto al reddito, in altri paesi. Il timore di molti Ŕ che anche questo possa tradursi in nuove bolle.

L'aspetto fondamentale Ŕ che Ŕ stupido discutere della riduzione degli enormi deficit di bilancio senza considerare la natura degli aggiustamenti compensativi nel settore privato e nel saldo con l'estero. Alcuni aggiustamenti sarebbero auspicabili, ma altri sarebbero pericolosi.
Ricordiamoci che l'obiettivo Ŕ raggiungere una posizione finanziaria sana, con livelli di produzione alti e livelli di spesa privata e saldi con l'estero sostenibili. ╚ una combinazione che molti paesi erano ben lontani dal raggiungere nel periodo precedente a questa colossale crisi. Fin qui vedo pochi segnali che facciano sperare in una performance nettamente migliore nella fase di uscita.

(Traduzione di Fabio Galimberti)

4 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagina: 1 2 di 2
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-