ITALIA

 
 
 

 
HOME DEL DOSSIER

10 Gennaio 2010

9 GENNAIO 2010

8 Gennaio 2010

7 GENNAIO 2010

6 GENNAIO 2010

5 GENNAIO 2010

03 gennaio 2010

2 gennaio 2010

30 dicembre 2009

29 dicembre 2009

28 Dicembre 2009

27 dicembre 2009

24 DICEMBRE 2009

21 Dicembre 2009

20 dicembre 2009

19 dicembre 2009
18 Dicembre 2009
17 dicembre 2009
16 dicembre 2009
15 DICEMBRE 2009

14 dicembre 2009

13 dicembre 2009

12 dicembre 2009
11 dicembre 2009

10-dicembre-2009

9 dicembre 2009

8 DICEMBRE 2009

7 dicembre 2009

6 dicembre 2009

5 dicembre 2009

4 dicembre 2009
03 dicembre 2009
2 dicembre 2009
1 DICEMBRE 2009

DOPO LA SENTENZA DI PERUGIA / La giustizia in curva South

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
6 dicembre 2009

Sentenza esemplare, bravi i giudici del tribunale di Perugia. Sentenza discutibile, non suffragata da prove, al termine di un processo indiziario, pessimi i giudici. Basta leggere i giornali e i siti d'informazione inglesi e statunitensi per avere visioni agli antipodi della condanna rispettivamente a 26 e 25 anni dell'americana Amanda Knox e dell'italiano Raffaele Sollecito per l'omicidio della giovane studentessa londinese Meredith Kercher. Di qua e di lÓ dell'Oceano il senso della giustizia dev'essere diametralmente opposto. O semplicemente molto partigiano. I connazionali della giovane condannata sparano ad alzo zero sulla corte di Perugia, quelli della vittima la elogiano come modello di efficienza. Dove sta la veritÓ? Da un lato, dall'altro, in mezzo? Una corte si Ŕ pronunciata e a quello bisogna attenersi. Fatto salvo il diritto di tutti a criticare le sentenze, tutte le sentenze, ma con toni civili. Sorprende che i maestri del diritto, della giustizia e dell'informazione impieghino un attimo a mettere da parte le secolari prediche sulle garanzie e si buttino nella polemica con toni da curva da stadio. Verrebbe da ricordare ai giornali americani che dal 1973 ad oggi, negli Stati Uniti, sono state mandate nel braccio della morte 129 persone poi rilasciate perchÚ innocenti o non colpevoli del reato contestato. In cinque casi conclamati sono stati giustiziati innocenti. Ci era piaciuto molto di pi¨ il New York Times quando, all'inizio del processo, sollecitava la giustizia italiana ad arrivare al giudizio in tempi rapidi e a non costringere una famiglia dell'America profonda a viaggi interminabili e a lunghi soggiorni in un paese straniero per vedere la figlia sottoposta al calvario di un giudizio interminabile. Quello sý intollerabile.

6 dicembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-