ITALIA

 
 
 

 
HOME DEL DOSSIER

9 dicembre 2009

8 DICEMBRE 2009

7 dicembre 2009

6 dicembre 2009

5 dicembre 2009

4 dicembre 2009
03 dicembre 2009
2 dicembre 2009
1 DICEMBRE 2009
30 novembre 2009
29 novembre 2009
28 novembre 2009
27 novembre 2009
26 Novembre 2009
25 novembre 2009
24 novembre 2009
23 novembre 2009
22 novembre 2009

21 novembre 2009

20 novembre 2009

19 novembre 2009
18 novembre 2009
17 novembre 2009
16 novembre 2009
15 novembre 2009
14 novembre 2009
13 novembre 2009
12 novembre 2009
11 novembre 2009
10 NOVEMBRE 2009
9 NOVEMBRE 2009
8 Novembre 2009
7 novembre 2009
6 novembre 2009
5 novembre 2009
4 Novembre 2009
3 novembre 2009
2 novembre 2009

Tre false veritÓ sugli autori della caduta

di Christian Caryl

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
8 novembre 2009

Il ventesimo anniversario della caduta del Muro offre un'occasione per rievocare alcune opinioni bizzarre sulle ragioni che determinarono quell'evento. Ecco alcune ipotesi dure a morire:

Fu la CIA
Secondo questa teoria, le spie statunitensi aiutando i nemici dei loro nemici poco alla volta indebolirono fatalmente l'Unione Sovietica, riuscendo alla fine a farla crollare.
╚ vero che gli agenti della Cia di Langley avevano aiutato in modo rilevante i mujaheddin afgani - che ebbero un ruolo cruciale nell'indebolimento della potenza sovietica negli anni Ottanta - e fatto tutto il possibile per aiutare gli affiliati a Solidarnosc in Polonia, grazie all'aiuto del Papa Giovanni Paolo II.
Nei cruciali avvenimenti del 1989, tuttavia, la Cia non ebbe decisamente alcun ruolo. Nella seconda metÓ degli anni Ottanta aveva ripetutamente sbagliato a intuire le reali intenzioni di Gorbaciov. Ancora nel settembre 1988 scriveva nei sui rapporti le sue previsioni sulla scontata sopravvivenza dei regimi dell'Europa dell'Est. Quando il Muro di Berlino fu abbattuto e la Casa Bianca chiese informazioni in merito, le imbarazzate spie statunitensi dovettero ammettere di non avere alcun agente sul posto, nÚ a Berlino Est nÚ al Cremlino.

Fu il KGB
Il Comunismo ebbe fine nel 1989, ma molti comunisti - singoli individui o partiti comunisti rinati - se la cavarono abbastanza bene, finendo col dar vita a insistenti teorie di complotti del Kgb.
Edward Lucas, giornalista britannico, ha scritto di recente: źI dissidenti in linea di massima si rivelarono politici disperati, e anche se oggi buona parte dei paesi dell'Europa dell'Est fanno parte della Ue e della Nato, sono in maggioranza guidati da ex membri del partito Comunista╗. Questa osservazione Ŕ diversa tuttavia dall'asserire in assenza di prove, come fanno alcuni teorici della cospirazione, che gli eventi del 1989 furono pianificati a tavolino dal Kgb per permettere ad alcuni bolscevichi di continuare a godere dei vantaggi del potere. Alcuni documenti d'archivio desecretati di recente, rivelano che le spie sovietiche erano all'oscuro di tutto, proprio come le spie statunitensi. Quando le autoritÓ comuniste della Germania Est indussero senza volerlo i loro cittadini a mettersi in marcia in direzione del muro, il governo omise addirittura di informare i sovietici. I collaboratori pi¨ stretti di Gorbaciov non si presero neppure la briga di svegliarlo durante quella fatidica notte. L'uomo che pi¨ tardi si vide riconoscere il merito di aver liberato l'Europa dell'Est quella notte in realtÓ continu˛ a dormire tranquillo.

Fu solo una questione economica
Secondo questa interpretazione a provocare realmente il cambiamento nel 1989 fu l'economia.
╚ vero, la debolezza economica del sistema sovietico era giÓ palesemente sotto gli occhi della comunitÓ internazionale. Ed Ŕ anche vero che i governi di Berlino Est, di Varsavia, di Bucarest e di altri paesi del Patto di Varsavia erano letteralmente oppressi da un pesantissimo indebitamento con l'estero che limitava enormemente la loro capacitÓ di reagire alle insurrezioni interne. Ci˛ nonostante, l'esperienza di Cuba e della Corea del Nord - anch'esse andate in sostanza in bancarotta in quello stesso anno e quasi crollate quando l'ex Unione Sovietica tolse loro l'appoggio - ha dimostrato che i regimi sono perfettamente capaci di sopravvivere al di lÓ delle loro pendenze economiche.
NÚ dimostra di essere stato un grande inconveniente - come hanno suggerito alcuni - il fatto che i comunisti dell'Europa Orientale fossero indebitati con le banche dell'Occidente. Questo sarebbe stato vero se gli Stati Uniti e i loro alleati fossero stati disposti a esercitare un leverage finanziario a scopi specificatamente politici.

(Traduzione di Anna Bissanti)

8 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-