TECNOLOGIA &BUSINESS

 
 
 

Spazio 24 - notizie e immagini dal cosmo

 
HOME DEL DOSSIER

Video e fotografie

Esplorazione spaziale

Cronache dallo spazio

Shuttle

Terra e cielo

Corpi celesti

Marte

Hubble, nuove meraviglie

di Gigi Donelli

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
9 settembre 2009

La nebulosa Carina attraversata nell'infrarosso e rivelata come nessuno strumento era mai stato in grado di fare, il fenomeno della lente gravitazionale di Abel 370 catturata a 5 miliardi di anni luce dal nostro pianeta. Dall'infinitamente lontano all'astronomicamente vicino, il telescopio spaziale Hubble ritorna al lavoro reso pi¨ potente che mai dalla missione orbitale compiuta a maggio dall'equipaggio dello shuttle Atlantis. Nuovi strumenti, nuove tecnologie, nuove possibilitÓ per la ricerca e nuove visioni sull'immenso che ci circonda.

Anteprima Nasa ed Esa
L'anteprima mondiale, coordinata tra Nasa ed Esa (l'agenzia spaziale europea) per la presentazione delle prime immagini del telescopio orbitante Hubble, nella sua ultima e potenziata versione. Una grande attesa, iniziata quattro mesi fa con la riparazione dello strumento, che si Ŕ conclusa ancora una volta con l'entusiasmo della comunitÓ scientifica. Da oggi la ricerca dispone di uno sguardo nuovo e straordinariamente dettagliato sulle zone pi¨ remote dell'universo. Operativo da quasi 20 anni a 600km di altezza dal suolo, il telescopio spaziale HST Ŕ stato potenziato nella sua versione attuale con la missione Atlantis del maggio scorso.

Un telescopio nuovo
Tra l'11 e il 18 maggio 2009, nel corso di ben cinque lunghe passeggiate spaziali (Video Nasa), erano stati cambiati i sei giroscopi, le batterie, il sistema di protezione termica e il sistema informatico. Aggiunti due nuovi apparecchi di ripresa, uno spettrografo per raggi cosmici e un obbiettivo grandangolare. Una vera e propria rivoluzione a bordo che puntava a migliorare da 10 a 70 volte le capacitÓ del telescopio di sondare le regioni pi¨ remote dell'universo mettendolo in condizione di rilevare oggetti risalenti a 500 milioni di anni dopo il Big Bang, contro l'attuale miliardo di anni.

Fino al 2014
Dopo aver completato tutte le complesse verifiche dei sistemi e delle apparecchiature di comunicazione e trasferimento dei dati a terra, il telescopio Hubble si era messo al lavoro sui corpi celesti. Il primo scatto legato alla "cronaca spaziale" risale al 19 luglio quando ha testimoniato l'impatto di un corpo celeste – frammenti di cometa o asteroide – contro la superficie di Giove. Da allora il sistema Ŕ stato messo a punto e calibrato per avviare l'ultima grande stagione di osservazione che dovrebbe durare fino al 2014, per poi essere sostituito da un nuovo telescopio orbitante.

9 settembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-