CULTURA &TEMPO LIBERO

 
 
 
 
HOME DEL DOSSIER

Miglior film

Photogallery

Migliore attore

Miglior regista

Migliore attrice

Migliore attore non protagonista

Migliore attrice non protagonista

La notte degli Oscar

Mickey Rourke

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci

Interpreta il ruolo di Randy "The Ram" Robinson nel film "The Wrestler"


La scheda dell'attore
Il ritorno che non t'aspetti. Brutto, sporco e cattivo, travestito da wrestler violento e triste buffone. Proprio lui, il playboy, Rusty il selvaggio, l'uomo che fece impazzire Kim Basinger in Nove settimane e mezzo. Il sex symbol che all'apice del successo mollò tutto per seguire il suo sogno da bambino: fare il pugile. Sogno per cui rifiutò almeno una decina di ruoli straordinari che avrebbero fatto la fortuna di una generazione d'attori (Tom Cruise, Harrison Ford, Kevin Costner). Da allora ne ha prese parecchie, vivacchiando nel cinema indipendente e senza assicurazione, finché il medico della federazione Usa di boxe non l'ha bloccato, per possibili danni cerebrali. A giudicare dall'ossessione per i suoi cagnolini, il sospetto che si sia arrivati troppo tardi, c'è.
Sceso dal ring, è rientrato nel cinema dalla porta principale. È il magnifico protagonista di The wrestler di Darren Aronofsky, è il favorito all'Oscar come migliore attore protagonista dopo che il film ha trionfato a Venezia.
Mickey, più ancora che in passato, sa piangere e far ridere, sa picchiare e incassare, sa mostrarsi forte e spavaldo e fragile e sconfitto. Fisico d'acciaio, viso che è diventato un puzzle, un'opera astratta cubista (i pugni gli hanno sfasciato il naso, il chirurgo estetico ha fatto il resto) ha tirato fuori tutto quell'istinto da attore (e uomo) vero che gli avevano fatto bucare il grande schermo una ventina d'anni fa, colpendo registi come Spielberg, Levinson, Francis Ford Coppola. È tornato come quei grandi pugili che lasciano il loro eremo dorato per provare l'ultimo impossibile combattimento. E lui ha messo tutti ko. Philip Andrè Rourke Jr è un campione di razza, tutto genio e sregolatezza: ha dimostrato che si può rinascere a 52 anni, dopo che la vita ti ha preso a pugni e schiaffi. Basta restituirglieli.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio

L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER
Effettua il login o avvia la registrazione.
 
 
 
 
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-