Casa24

Quando il «pezzo di design» è in edizione limitata - Foto

  • Abbonati
  • Accedi
arredo

Quando il «pezzo di design» è in edizione limitata - Foto

  • –di Antonella Galli

Il progetto di un arredo contiene, quando è autoriale, un alto tasso di creatività che va oltre la funzione per cui è stato creato e la serialità che contraddistingue la produzione industriale. Per evidenziare questa componente creativa nascono edizioni limitate che trasformano mobili e oggetti in pezzi rari, con la dignità di opere d’arte.

Gli spunti per varare un’edizione limitata sono i più vari, anche se gli anniversari sono l’occasione più ricorrente, come gli ottant'anni di Artek che quest’anno l’azienda festeggia con il tavolino Maison Carré di Alvar Aalto in ottanta esemplari, o i cinquant’anni che Gufram celebra con altrettante copie del divano Bocca di Studio65 rivestito in oro.

Anche un evento come Expo è stato di ispirazione per FontanaArte, che ha assegnato a Carlo Colombo il progetto di una lampada da tavolo in edizione limitata in cento esemplari chiamata, appunto, Milano 2015. Un pezzo che sottolinea un momento storico , un progetto che si ispira all’italianità nel senso migliore: la lampada ha un corpo unico, sottile e stondato, in marmo statuario di Carrara, che ingloba la base e la calotta, all’interno della quale una scheda led irradia la luce che esalta le venature del marmo.

Sempre una lampada, ma da sospensione, è Deriva di Alessandro Mendini, prodotta in sette esemplari da Fragile Milano, galleria specializzata in arredi di design. La sospensione Deriva, che il maestro Mendini ha progettato per la sede della galleria, è in lamiera di ferro o rame e ha la forma di un origami allungato, composto da una sequenza di triangoli leggermente ripiegati; come ha affermato l'autore, «si chiama Deriva perché assomiglia a una barca che può vagare sospesa sullo spazio di una stanza». Oltre alla finitura in rame lucidato, Deriva si presenta con decorazioni a colori, come quella dipinta con la tecnica del pointillisme multicolore in memoria della mendiniana poltrona Proust.

Il tema dell’edizione limitata è alla base del brand Just99 che, come dice il nome, produce serie di oggetti di arredo, complementi e opere artistiche in non più di 99 copie, avvalendosi di firme prestigiose della creatività: ultimo arrivato nella collezione di arredi è il tavolino Arcade, firmato da Sam Baron, con la struttura portante composta da archi rovesciati in legno di faggio curvato, uniti tra loro da nastri in pelle, mentre il piano tondo è laccato grigio.

Visionnaire, brand dell’azienda Ipe, rinomato internazionalmente per arredi lussuosi e dai dettagli ricercati, ha deciso di festeggiare i primi dieci anni di vita con un’intera collezione in serie limitata, affidata a Steve Leung, archistar di Hong Kong: il titolo della collezione, Nature’s Jewel Box, dichiara l’ispirazione naturalistica e al contempo lussuosa degli arredi, dai tavoli agli imbottiti, ai contenitori, in cui sono impiegati i materiali più preziosi, dalla pietre alla pelle, dai legni pregiati agli onici. Come nella madia Aurora, con le quattro ante in un diafano onice verde giada, dal corpo in acciaio con finitura bronzo Siena satinato.

Forzatamente limitati sono gli esemplari del progetto Villa Le Lac Paulownia, una piccola collezione di tre complementi in legno, firmata da Jaime Hayon per Cassina: sono the Bird, un uccello portalettere, The Bird House, una casetta portaoggetti, e The Ledge, una mensola a forma di altalena. Sono tutti realizzati con il legno della paulownia piantata da Le Corbusier nel giardino della Villa Le Lac a Ginevra, progettata con il cugino Pierre Jeanneret nel 1924. La pianta è stata sradicata nel 2013, quindi portata alla falegnameria di Cassina a Meda. Per far rivivere il legno di questa pianta, fortemente voluta da Le Corbusier come anima del giardino della villa (la salle de verdure), sono nati i tre complementi Villa Le Lac Paulownia, per la cui realizzazione verranno impiegate tutte le parti sane dell’albero, fino all’ultima doga.

© Riproduzione riservata