House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

Il cinema di John Huston torna protagonista al Torino Film Festival 2010

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 25 novembre 2010 alle ore 17:30.

Pugile, pittore, militare, giornalista e scrittore: tutto questo è stato John Huston prima di diventare uno dei più importanti registi della storia del cinema americano.
A lui sarà dedicata la retrospettiva principale del Torino Film Festival 2010 (26 novembre-4 dicembre), completa di tutte le pellicole che ha diretto (cortometraggi compresi) e di alcune che ha soltanto interpretato.


Nato in Nevada nel 1906, Huston inizia ad avvicinarsi al mondo di Hollywood verso la fine degli anni '20, proponendosi prima come attore e in seguito, con più fortuna, come sceneggiatore: fra i suoi copioni vanno almeno ricordati «Figlia del vento» di William Wyler e «Una pallottola per Roy» di Raoul Walsh.

Proprio grazie al talento dimostrato con quest'ultima sceneggiatura, gli verrà data la possibilità di passare alla regia. Il suo esordio fu «Il mistero del falco» del 1941: tratto dall'omonimo romanzo di Dashiel Hammett, questo film (seppur girato con un budget limitato) venne immediatamente considerato un cult movie, diventando il precursore del noir americano che negli anni '40 vivrà la sua età dell'oro.

A questo genere ritornerà diverse volte nella sua carriera, toccando l'apice con «Giungla d'asfalto» del 1950, dove diresse per la prima volta Marilyn Monroe. I due torneranno a lavorare insieme nel 1961 per «Gli spostati», ultima apparizione della diva prima della sua prematura scomparsa.

Fin dai suoi primi lavori, Huston venne considerato uno dei più importanti "direttori di attori" di Hollywood e, curiosamente, questa sua capacità valse importantissimi riconoscimenti anche ad alcuni suoi familiari: nel 1948 portò al premio Oscar come migliore attore non protagonista il padre Walter per la sua interpretazione ne «Il tesoro della Sierra Madre» e, nel 1985, la stessa fortunata sorte toccò alla figlia Anjelica per «L'onore dei Prizzi».

Parallelamente alla carriera da regista, proseguì sempre anche quella di attore alternando ruoli importanti (come in «Chinatown» di Roman Polanski) ad altri puramente "alimentari" che gli permisero di godersi la vita fino in fondo.

Ebbe un'esistenza travagliata, segnata dall'alcol, dai litigi con i produttori che cercavano di limitarne la libertà creativa e da cinque matrimoni, che così descrive nella sua autobiografia (intitolata «Open Book»): «Nessuna delle mie mogli ha avuto una sia pur vaga somiglianza con una qualunque delle altre e di certo nessuna assomigliava a mia madre. C'è stato di tutto: una studentessa, una gentildonna, un'attrice, una ballerina e un coccodrillo». Riservò questo aggettivo alla sua ultima moglie, Celeste Shane (con la quale rimase sposato dal 1972 al 1977), che lo costrinse a pagare costi salatissimi per il divorzio.

L’articolo continua sotto

Marilyn Monroe e Horst al Lucca Digital Photo Fest

La donna è al centro della sesta edizione del Lucca Digital Photo Fest (20 novembre-12 dicembre)

Marilyn e Dovima. All'asta da Christie's «le opinioni» di Richard Avedon

PARIGI – Richard Avedon ha raccontato come è nata questa foto di Marilyn Monroe, disponibile

Marilyn Monroe, la scrittrice oltre la diva sexy (Magnum)

Marilyn Monroe, la scrittrice oltre la diva sexy

Aveva visto lungo Eve Arnold che le era amica e la conosceva bene. Negli scatti realizzati a Bement

Torino Film Festival 2010

Torino Film Festival 2010

Torino Film Festival 2010

Tags Correlati: Clint Eastwood | Cultura | Danny Boyle | Giovanni Mastrangelo | Hollywood | John Carpenter | John Huston | Mathieu Amalric | Prizzi | William Wyler

 

Morì nell'agosto del 1987, pochi mesi prima che uscisse il suo ultimo lungometraggio «The Dead», tratto da «Gente di Dublino» di James Joyce.

Oltre alle pellicole di John Huston, il pubblico del Torino Film Festival potrà ammirare tanti interessanti lavori di registi contemporanei, che il direttore Gianni Amelio e il suo staff hanno scelto per far proseguire alla manifestazione la via (di altissima qualità) imboccata nelle ultime edizioni.

Come film d'apertura è stato selezionato «Contre toi» di Lola Doillon, un dramma d'interni interpretato da Kristin Scott Thomas; ma l'opera francese più attesa sarà «Tournée», con la quale l'esordiente Mathieu Amalric ha vinto il premio per la miglior regia all'ultimo Festival di Cannes.

Nella sezione della Festa Mobile troviamo anche «127 Hours», il ritorno di Danny Boyle dietro la macchina da presa dopo «The Millionaire»; «Kaboom» di Greg Araki; «Neds» di Peter Mullan (vincitore dell'ultimo Festival di San Sebastian) e «Jack Goes Boating», esordio alla regia dell'attore Philip Seymour Hoffman.

All'interno del concorso, contraddistinto come sempre da opere prime e seconde, verranno presentati nove lungometraggi fra i quali i più attesi sono l'americano «Winter's Bone» di Debra Granik, che quest'anno ha già ottenuto il premio principale del Sundance Film Festival, e l'unico italiano in gara: «Henry» di Alessandro Piva, tratto da un romanzo di Giovanni Mastrangelo.

Da segnalare anche la rassegna Rapporto Confidenziale, incentrata quest'anno interamente sul cinema horror: nove i titoli scelti per rappresentare al meglio le nuove tendenze di questo genere, fra i quali svetta «The Ward», l'ultima fatica di John Carpenter a nove anni di distanza da «Fantasmi da Marte».

A chiudere un'edizione tanto ricca non poteva che essere scelta una delle pellicole più importanti dell'intera stagione: «Hereafter», il nuovo film di Clint Eastwood che ha per protagonista un operaio americano in grado di comunicare con i morti, sarà il titolo più atteso della ventottesima edizione del Torino Film Festival e verrà proiettato nella serata conclusiva di sabato 4 dicembre. Nel cast Matt Damon, Cécile De France e Bryce Dallas Howard.

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da