Cultura

#Il flauto di Socrate

  • Abbonati
  • Accedi
(none)

#Il flauto di Socrate

  • –Gianfranco Ravasi

entre stavano preparandogli la cicuta, Socrate si esercitava sul flauto per imparare una melodia. «A cosa ti serve?», gli domandarono. E il filosofo: «A sapere quest'aria prima di morire!».

Già il titolo, Squartamento, è un emblema rovente come lo sono le pagine di quest'opera che lo scrittore francese-rumeno Emile Cioran pubblicò nel 1979. Il pessimismo cola, infatti, nei suoi scritti, distillato come un veleno, ma talora anche come un vaccino.

È il caso di questa parabola sul flauto di Socrate.

La società contemporanea (ma non solo) ci abitua a rispondere sempre a una domanda preliminare ad ogni azione o impegno: a che cosa serve? Oppure: quanto mi rende?

Così, abbiamo perduto il gusto del gioco libero, dello sport privo di intrecci commerciali, dell'arte creativa, del divertimento sereno, della ricerca, del sapere puro e della contemplazione gioiosa della bellezza.