Cultura

Trieste torna capitale della fantascienza

  • Abbonati
  • Accedi
kermesse

Trieste torna capitale della fantascienza

Morgan
Morgan

La fantascienza grande protagonista a Trieste: si svolger dall'1 al 6 novembre la sedicesima edizione del Trieste Science+Fiction Festival, manifestazione dedicata al cinema di genere, che tocca per anche la televisione, i new media, la letteratura, la musica, i fumetti e le arti visive.
L'ospite pi atteso di questa edizione sar l'attore olandese Rutger Hauer: l'interprete di Blade Runner ritirer il Premio Urania d'Argento 2016 (in collaborazione con la celebre collana di fantascienza Mondadori Urania).

Grande attesa per la preapertura del festival che celebrer i cinquant'anni di Star Trek con la proiezione in anteprima italiana di For the Love of Spock di Adam Nimoy, figlio dell'attore Leonard Nimoy, il mitico Spock della serie di fantascienza. Il film d'apertura del festival sar invece Morgan diretto da Luke Scott, figlio del celebre Ridley, con protagonisti Kate Mara, Anya Taylor-Joy e Paul Giamatti; mentre come chiusura lo splendido Zero Days, il nuovo documentario del premio Oscar Alex Gibney che indaga il misterioso “Stuxnet”, un virus informatico creato con lo scopo esplicito di essere usato come arma contro una nazione ostile.
All'interno della selezione cinematografica ufficiale della rassegna troviamo titoli come Almost Dead di Giorgio Bruno, Approaching the Unknown di Mark Elijah Rosenberg con Mark Strong, l'attesissimo indipendente Embers di Claire Carr, Realive di Mateo Gil (gi sceneggiatore di Vanilla Sky e Mare dentro) e Monolith di Ivan Silvestrini. Fuori concorso, invece, da non perdere Terra formars del regista giapponese di culto Takashi Miike.
Torna anche quest'anno Spazio Italia, la speciale vetrina che il Trieste Science+Fiction Festival dedica alle produzioni fantastiche e fantascientifiche “made in Italy”. In programma, Alieween di Federico Sfascia, East End di Skanf & Puccio e Blatta, il nuovo progetto di web serie di Daniele Cipr.
Gli eventi speciali di Spazio Italia sono la proiezione di Ballad in Blood di Ruggero Deodato ispirato al caso Meredith Kercher, alla presenza del celebre regista di Cannibal Holocaust, e la versione definitiva di Blood on Mlis' Moon di Luigi Cozzi.
Menzione speciale poi per Sci-Fi Classix, la sezione dei grandi classici del cinema di genere in nuove edizioni restaurate e rimasterizzate riportate in sala del Trieste Science+Fiction Festival. L'evento speciale di Sci-Fi Classix fissato per sabato 5 novembre: Dario Argento presenter il restauro in 4K di Zombi di George Romero, nella versione montata e curata all'epoca dal maestro del brivido italiano per il mercato europeo con le musiche dei Goblin. Seguono tre grandi classici delle cinematografie d'oltre cortina: il pionieristico film di Jindřich Polák Ikarie XB 1, e due capolavori della fantascienza sovietica come Per aspera ad astra di Ričard Viktorov e il celebre Solaris di Andrej Tarkovskij.
Infine, da segnalare che le notti di Trieste Science+Fiction Festival si colorano anche di musica, concerti e feste con “La Notte degli Ultracorpi” che porta in esclusiva in Italia DJ Yoda Goes to the Sci Fi Movie, uno spettacolo audiovisivo di cinema di fantascienza e hip hop, taglia e incolla, tutto mixato dal vivo.

Trieste Science+Fiction
1-6 novembre
http://www.sciencefictionfestival.org/

© Riproduzione riservata