Cultura

All’opera ragazzi!

  • Abbonati
  • Accedi
UNDER 30

All’opera ragazzi!

Con tre giorni d’anticipo sul debutto ufficiale, oggi i pi giovani tra i melomani assisteranno all’anteprima della Madama Butterfly, opera inaugurale della stagione scaligera, mentre il 17 dicembre avranno il privilegio di vedere, prima degli amanti del balletto, il Romeo e Giulietta.

Sono due tra le iniziative del consolidato progetto “La Scala Under30”, che offre agli spettatori con meno di trent’anni ingressi speciali e a prezzi calmierati, formule di abbonamento “smart”, accesso alle prove e alle anteprime, incontri con gli artisti. Con il “Pass Under30”, ad esempio, si entra nella Community scaligera: costa 10 euro e d diritto ad accedere alla newsletter del Teatro, a promozioni e sconti fino all’80%, alle visite organizzate al Piermarini, inclusi museo e laboratori, e alle prove d’insieme.

Per gli appassionati c’ poi l’“Abbonamento Under30” (da 74 a 260 euro), sia per l’opera sia per il balletto, con cui si assiste a tre spettacoli quasi al prezzo di uno, pi un incontro esclusivo con gli artisti e gli addetti ai lavori e un happy hour teatrale riservato. Quest’anno i titoli in programma sono Don Carlo, La bohme e Nabucco per l’opera; Serata Stravinskij, La Valse/Sinfonia in do/Shhrazade e Il lago dei cigni per il balletto.

Presentato la scorsa stagione, si rinnova anche quest’anno l’“Abbonamento Libero Under30” (da 75 a 280 euro), che permette di scegliere le date in cui assistere alle rappresentazioni e ai concerti e, soprattutto, scegliere tre dei cinque titoli proposti per ogni sezione: “Libero Opera” prevede Falstaff, Anna Bolena, La gazza ladra, Don Giovanni e Tamerlano; “Libero Balletto” offre Copplia, La Valse/Sinfonia in do/Shhrazade, Progetto Hndel, Sogno di una notte di mezza estate e Romeo e Giulietta; “Libero Concerti” ha “in menu” Riccardo Chailly, Christoph von Dohnnyi, Zubin Mehta, Georges Prtre e Bernard Haitink.

sempre un piacere osservare l’entusiasmo con cui i giovani rispondono alla chiamata di Scala Under 30, di cui Intesa Sanpaolo sponsor convinto, spiega Vittorio Meloni, direttore delle Relazioni esterne della banca, che sostiene il progetto scaligero insieme con la Banca del Monte di Lombardia. Come soci fondatori della Fondazione Teatro alla Scala non ci sfugge inoltre l’importanza di intercettare e fidelizzare nuovi pubblici, superando consuetudini e stereotipi.

Accanto alle iniziative per adolescenti e giovani adulti, continua il programma per bambini “Grandi Opere per Piccoli”, inaugurato nel 2014 da La Cenerentola, cui si aggiunto nel 2016 Il flauto magico e che, nel 2017, si arricchir di una nuova opera: Il ratto dal serraglio di Mozart diretto da Michele Gamba, in ideale corrispondenza con Die Entfhrungaus dem Serail diretto da Zubin Mehta per i “grandi”.

Oltre alla lirica i bimbi potranno assistere ai concerti di musica classica, introdotti e spiegati da un attore o scrittore: sono cinque appuntamenti, programmati alla domenica pomeriggio e spalmati su tutto l’anno, dallo scorso mese a ottobre 2017. Il 20 novembre appena passato Ottetto e mezzoall’opera e il prossimo concerto sar il 26 febbraio con le Viole della Scala, Simonide Braconi e Danilo Rossi, e il primo Contrabbasso Giuseppe Ettorre, introdotti da Stefano Benni. Il 2 aprile, insieme a Gioele Dix, salir sul palco il Coro di voci bianche; l’8 ottobre toccher ai Virtuosi, che eseguiranno Vivaldi; il 29 ottobre, infine, si esibiranno i Cameristi, che hanno impaginato un programma sul legame tra Musica e Natura e chiuderanno con la fiaba musicale La gattomachia del compositore trentaduenne Orazio Sciortino.

© Riproduzione riservata