Mondo

Torna a ruggire la tigre celtica, il Pil irlandese «cresce del…

  • Abbonati
  • Accedi
Effetto multinazionali

Torna a ruggire la tigre celtica, il Pil irlandese «cresce del 26,3%»

Dublino torna a ruggire e veste di nuovo i panni della tigre celtica. L’ufficio di statistica irlandese ha rivisto il Pil del 2015 precedentemente stimato al 7,8% (già superiore alla crescita cinese) a un assolutamente stupefacente incremento del 26,3 per cento. Naturalmente gli investitori devono prendere questa cifra con la dovuta prudenza, anche perché nel primo trimestre 2016 il Pil irlandese è calato del 2,1% mentre su base annua la crescita è stata “solo” del 2,3 per cento.

Come è possibile questo incredibile rilettura al rialzo del Pil 2015? L’Irlanda è una piccola economia molto aperta e soggetta a fluttuazioni molto ampie anche a causa della presenza di grandi multinazionali attratte dal suo sistema fiscale che prevede tassazioni societarie molto attraenti con una aliquota leggera al 12,5 per cento.

La sorprendente revisione record è stata provocata dal trasferimento di sede di alcune società multinazionali di rilievo proprio a Dublino, attratte dalla tassazione “light” garantita dallo fisco irlandese.

In sostanza molte società multinazionali l’anno scorso si sono trasferite o hanno trasferito parte dei loro business nella “verde” Irlanda e questo ha portato ad un balzo dello stock di capitale fisso nei conti nazionali. L’ufficio di statistica irlandese ha spiegato che tra i fattori di incremento del Pil ci sono anche un aumento del numero di aerei importati con contratti di leasing internazionali e la riclassificazione di interi bilanci aziendali di multinazionali che si sono trasferite a Dublino.

LA CRESCITA DELL'IRLANDA
Variazione % annua del Pil (Fonte: Central Statistics Office)

Ovviamente questo è un effetto una tantum. Ma con questa rivisitazione del Pil 2015 il debito irlandese, come percentuale del Pil, dovrebbe scendere al di sotto dell’80% rispetto al recente picco del 120 per cento. Naturalmente il valore assoluto del debito pubblico non è cambiato di una virgola, ma ciò che conta è il rapporto debito/Pil e tutti sanno quanto questa percentuale sia una questione cruciale nelle decisioni di politica fiscale della zona euro. Così l’Irlanda sta lasciando in fretta la sua crisi alle spalle. In verità l’economia irlandese è in buona forma da tempo, con la disoccupazione a giugno in calo al 7,8% rispetto all’11,4% toccato due anni fa. Le entrate fiscali sono in aumento e la spesa dei consumatori in crescita (+4,5%).

Dublino è una storia di successo. Il paese è uscito dal piano di aiuti nel 2014 e rappresenta per i creditori il migliore e più evidente caso di recupero di una nazione in crisi, che con riforme e politiche liberiste è riuscito velocemente a risalire la china e a tornare a crescere.

Ma Brexit rappresenta una minaccia all’orizzonte. L’Irlanda, che ha stretti legami con la Gran Bretagna, è in prima linea sui possibili effetti negativi per l’uscita dal mercato unico di Londra. Nel lungo termine, però, l’Irlanda potrebbe forse attrarre alcune delle imprese straniere, tra cui numerose banche, oggi in terra britannica, se decidessero di mantenere una sede nella Unione europea. È possibile dunque che i futuri dati del Pil irlandese resteranno volatili, anche se non nella dimensione di quanto registrato per il 2015.

© Riproduzione riservata