Il Sole 24 Ore
Stampa l'articolo Chiudi

Befera: stop a controlli vessatori

Marco Bellinazzo



Un ufficio dell'amministrazione finanziaria che assuma atteggiamenti vessatori verso un cittadino, per esempio quando pretende di portare a casa comunque un "risultato" nonostante l'accertamento sia in realtà infondato, finisce «quasi per apparentarne l'azione (dell'amministrazione finanziaria, ndr) a quella di estorsori». Parole forti che non vengono fuori da un qualunque partecipante a un convegno fiscale, ma dal direttore dell'agenzia delle Entrate, Attilio Befera. Segno evidentemente di una sensibilità personale, ma anche di un disagio che effettivamente esiste tra i contribuenti, al di là della fondatezza o meno di singole posizioni.
A testimoniare che si tratta anche di una sensibilità personale del direttore dell'agenzia, va ricordato che non si tratta di un'iniziativa inedita. Lo stesso Befera ricorda che a ottobre dello scorso anno aveva inviato ai direttori centrali e regionali una lettera in cui metteva in risalto gli eccellenti risultati conseguiti dall'Agenzia, ma sottolineava anche la necessità di una condotta irreprensibile verso i contribuenti. Dopo l'intervento di ottobre, arrivano oggi un nuovo incoraggiamento e una strigliata alla "truppa". «Continuo a ricevere – afferma Befera – segnalazioni nelle quali si denunciano modi di agire che mi spingono adesso a rivolgermi direttamente a tutti voi per richiamare ognuno alle proprie responsabilità e ribadire ancora una volta che la nostra azione di controllo può rivelarsi realmente efficace solo se è corretta. E non è tale quando esprime arroganza o sopruso o, comunque, comportamenti non ammissibili nell'ottica di una corretta e civile dialettica tra le parti».
Insomma c'è un «disagio reale», che non può essere trascurato. E in particolare, Befera stigmatizza i casi in cui «viene riferito che qualcuno, a giustificazione di tali comportamenti, farebbe presente di operare in quel modo per necessità di raggiungere l'obiettivo assegnato».
Per evitare queste situazioni Befera conferma le indicazioni operative già fornite nella precedente lettera. «Se un accertamento non ha solido fondamento – scrive – non va fatto e se da una verifica non emergono fatti o elementi concreti da contestare, non è corretto cercare a ogni costo pseudoinfrazioni formali da sanzionare solo per evitare che la verifica stessa sembri essersi chiusa negativamente».
Per Befera, insomma, se il contribuente ha dato prova sostanziale di buona fede e di lealtà nel suo rapporto con il Fisco, non va ripagato con la moneta dell'«accanimento formalistico». Così come non è ammissibile pretendere dal contribuente adempimenti inutili, ripetitivi e defatiganti, mentre costituisce una grave inadempienza ritardare l'esecuzione di sgravi o rimborsi dovuti. Sulla risposta a questa situazione, Befera è categorico: «Poiché i comportamenti negativi che ho appena descritto sono gravi per le conseguenze cui danno luogo, gravi saranno anche le relative sanzioni, nessuna esclusa».
Occorrerà valutare che impatto avrà poi questo messaggio sulla macchina organizzativa. In fondo, le indicazioni di Befera si pongono nella scia delle affermazioni del ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, contro gli eccessi sui controlli. E all'indomani di questa presa di posizione un sindacato come il Salfi, per bocca del suo segretario, Sebastiano Callipo, aveva chiesto per i lavoratori del fisco, mal pagati e comunque tutori della legalità fiscale, piuttosto un sostegno dei vertici del dicastero economico che "attacchi". E Roberto Cefalo della Uil Pa, sullo stesso ordine di idee, come primo commento alla lettera di Befera, segnala che i lavoratori del fisco mettono la loro faccia in un'azione pericolosa e complicata: «Meriterebbero – afferma – piuttosto parole di elogio».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
I contenuti della lettera
01 | ACCERTAMENTI
Se un accertamento non ha solido fondamento,
non va fatto. Mentre se da una verifica non emergono fatti o elementi concreti da contestare,
non è corretto cercare a ogni costo pseudoinfrazioni formali da sanzionare solo per
evitare che la verifica stessa sembri chiudersi negativamente. È questa una delle principali indicazioni fornite agli uffici dal direttore delle Entrate, Attilio Befera
02 | BUONA FEDE
Se il contribuente ha dato prova sostanziale di buona fede e di lealtà nel suo rapporto con il Fisco, ripagarlo con la moneta dell'accanimento formalistico – scrive ancora Befera nella sua lettera – significa venire meno a un obbligo morale di reciprocità, ed essere perciò gravemente scorretti nei suoi confronti
03 | ADEMPIMENTI
Non è ammissibile pretendere dal contribuente adempimenti inutili, ripetitivi e defatiganti. Costituisce inoltre una grave inadempienza da parte dell'amministrazione finanziaria ritardare l'esecuzione di sgravi o rimborsi sulla cui spettanza non vi sono dubbi
04 | PROFILO DISCIPLINARE
Per Befera queste indicazioni costituiscono obblighi precisi di condotta, la cui inosservanza è rilevante anche sotto il profilo disciplinare. Poiché si tratta di comportamenti negativi gravi per le conseguenze cui danno luogo, gravi saranno anche le relative sanzioni, nessuna esclusa. Se determinate azioni impediscono o infrangono la relazione di fiducia fra l'agenzia delle Entrate e i cittadini, subirà le stesse conseguenze la fiducia che è alla base del rapporto di lavoro con la stessa Agenzia
L'inchiesta
In un'inchiesta del 22 aprile scorso, Il Sole 24 Ore ha riportato le testimonianze degli imprenditori e delle aziende messi spesso in difficoltà dai controlli dell'amministrazione finanziaria