Norme & Tributi

Dossier Affitto breve sotto i 30 giorni? Il limite vale per ogni singolo contratto

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 17 articoli L’estate degli affitti brevi

Affitto breve sotto i 30 giorni? Il limite vale per ogni singolo contratto

Il quesito. I 30 giorni per non essere tenuti alla registrazione di un contratto d’affitto breve sono da intendere complessivamente nell’anno per ogni persona? O vanno conteggiati sommando anche più persone? Per esempio: cosa accade se si affitta l’appartamento per 20 giorni a una persona e 25 giorni a un’altra?
Inoltre, il decreto sicurezza prevede la comunicazione alla Questura anche per gli affitti brevi: bisogna registrarsi ed effettuare l’iter di abilitazione, anche se si affitta una casa vacanze solo per un breve periodo dell’anno e senza servizi aggiuntivi?

G.S. - Brescia

La risposta. Il termine di 30 giorni – indicato dall’articolo 4 del Dl 50/2017 (convertito dalla legge 96/2017) sul «regime fiscale delle locazioni brevi» – dev’essere inteso per singolo contratto/inquilino. Significa che, nel corso dell’anno, è possibile stipulare più contratti di locazione breve, di durata non superiore a 30 giorni, senza procedere alla registrazione di cui al Dpr 131/1986 (anche l’articolo 17 di questo Dpr prevede, tra l’altro, il termine di 30 giorni per la registrazione).

Il cosiddetto decreto sicurezza (Dl 113/2018, convertito dalla legge 132/2018) ha puntualizzato che gli obblighi di controllo e comunicazione – di cui all’articolo 109 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (Rd 773/1931) – si applicano anche ai locatori o sublocatori che locano immobili o parti di essi con contratti di durata inferiore a 30 giorni, anche se l’affitto riguarda un solo contratto.

Ne consegue che – salvo ulteriori chiarimenti da parte del ministero dell’Interno – allo stato è necessario procedere alla comunicazione alle Questure territorialmente competenti, avvalendosi di mezzi informatici o telematici (o, in extremis, mediante fax o Pec, in caso di problemi tecnici), comunicando le generalità delle persone alloggiate secondo le modalità stabilite dal ministero dell’Interno e nel rispetto della normativa sulla privacy. È quindi necessaria – salvo sanzioni – la comunicazione telematica attraverso il portale «alloggiati Web» della Polizia di Stato.

Il quesito è tratto dall’inserto L’Esperto risponde, in edicola con Il Sole 24 Ore di lunedì 17 giugno 2019.

Consulta L’Esperto risponde per avere accesso a un archivio con oltre 200mila quesiti, con relativi pareri. Non trovi la risposta al tuo caso? Invia una nuova domanda agli esperti.

È disponibile l’ app del Sole 24 Ore scaricabile gratuitamente da Apple Storeo Google Play

© Riproduzione riservata