House Ad
House Ad
 

Notizie USA

Su porno, iPad e libertà su internet rovente scambio di mail tra Jobs e un blogger Usa

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 17 maggio 2010 alle ore 11:59.
L'ultima modifica è del 18 maggio 2010 alle ore 10:00.


NEW YORK - Steve Jobs ha un indirizzo email abbastanza pubblico fra gli addetti ai lavori. Non risponde quasi mai direttamente, ma capita anche che lo faccia. A volte manda una riga. Altre volte usa le email per dare delle notizie, anche tecniche. Ma nella notte fra venerdì e sabato è successo un fatto alquanto straordinario. Jobs si è lanciato in uno scambio di email con Ryan Tate, un giornalista di Gwaker che lo attaccava per una pubblicità della Apple che definiva l'Ipad una rivoluzione. «Se Dylan avesse 20 anni oggi definirebbe l'Ipad una rivoluzione... rivoluzione vuol dire liberta?». Jobs risponde: «Esatto, libertà da programmi che rubano i tuoi dati privati, libertà da programmi che uccidono le tue batterie, libertà dalla pornografia. Esatto, libertà». «"The times are changing", i tempi stanno cambiando e certi tradizionali utilizzatori di pc vedono il loro mondo scivolare via».

Jobs profeta di una nuova epoca dunque. E decisamente contro la pornografia, spiega che non è bello e che forse chi ha bambini lo capisce meglio... (per lo scambio vedere qui). Nel dialogo vince comunque Jobs. Ryan, che lavora per il sito che entrò in possesso del nuovo iPhone ed ebbe poi non pochi problemi con Apple, è volgare, inutilmente aggressivo, determinato a sfoggiare le sue conoscenze tecniche. All'inizio non rivela la sua identità. Ma c'è da sospettare che Jobs lo conosca almeno per firma, visto che Ryan usa sia il suo email privato ma anche il suo nome per esteso. Jobs lo fredda con risposte brevi senza mai raccogliere le provocazioni. Alla fine, alle 2.30 del mattino di sabato, Jobs chiude chiedendo a Ryan che cosa mai ha costruito nella vita: «Ti limiti forse a criticare gli altri per diminuire le loro motiviazioni?».

«Amiamo Apple», la saga Jobs-Adobe continua

«We love Apple». Firmato? Adobe. Chi l'avrebbe mai detto. Le due aziende sono impegnate ormai da

Tags Correlati: Apple | Internet | Ryan Tate | Stati Uniti d'America | Steve Jobs

 

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da