House Ad
House Ad
 

Notizie Italia

Carboni e Lombardi restano in carcere

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 novembre 2010 alle ore 06:40.


Restano in carcere Flavio Carboni e l'ex giudice tributario Pasquale Lombardi, due dei principali indagati dell'inchiesta P3. Lo ha stabilito il Tribunale del Riesame di Roma, ritenendo che la presunta organizzazione segreta «era ed è in grado di interferire, spesso determinandole, sulle scelte di organi costituzionali e di pubblica amministrazione». Dagli atti emergerebbe infatti «un concreto, attuale, e molto allarmante pericolo di reiterazione» del reato. «In un paese borbonico come l'Italia la pena viene prima del processo» ha commentato Renato Borzone, legale di Carboni.
Lo scorso 9 settembre la Cassazione aveva annullato con rinvio una precedente decisione del Riesame che aveva negato la scarcerazione, giudicando carenti le motivazioni sull'uso, ai fini delle indagini, delle intercettazioni che coinvolgono parlamentari. Nell'ordinanza pubblicata ieri il Riesame ritiene le intercettazioni legittime: «Al momento in cui sono stati emessi i decreti di autorizzazione e proroga delle intercettazioni difettava qualunque elemento per ritenere che il fine fosse quello di acquisire elementi indiziari a carico dei parlamentari Lusetti (che non è indagato, ndr), Cosentino, Caliendo, Dell'Utri e Verdini».
Dal provvedimento emergono particolari inediti. I giudici citano un'intercettazione in cui Lombardi dice all'ex sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, che gli «stanno spianando la strada per essere nominato ministro». Quanto alla causa per evasione fiscale in Cassazione tra la Mondadori e l'Agenzia delle Entrate, i giudici scrivono che Lombardi, d'accordo con Carboni e Arcangelo Martino, altro presunto esponente della P3, «grazie alla buona conoscenza» con l'ex avvocato generale dello Stato, Oscar Fiumara, con l'ex avvocato generale della Cassazione, Antonio Martone, e con l'ex presidente della Suprema Corte, Vincenzo Carbone, «è stato in grado di concordare con tali vertici e fornire ai difensori (della Mondadori, ndr) la soluzione per evitare la celebrazione della causa» il 28 ottobre 2009 davanti alle Sezione Tributaria temporaneamente presieduta da Enrico Altieri, con un rinvio sine die alle Sezioni Unite. Sentito come teste, Altieri ha detto «di avere saputo con stupore, cinque o sei giorni prima dell'udienza, che il ricorso era stato ritirato dal ruolo» aggiungendo che «l'allora presidente delle Sezione Tributaria Giovanni Prestipino gli aveva spiegato che la Mondadori aveva presentato istanza di remissione alle Sezioni Unite e che l'Avvocatura dello Stato, pur non associandosi, non si era opposta». Prestipino gli aveva detto «di avere ritenuto di dovere necessariamente trasmettere l'istanza a Carbone, che gliene aveva fatto richiesta». Della vicenda, ha raccontato Martino, «si era parlato in occasione di due riunioni a casa di Verdini e di un pranzo al ristorante Tullio, a Roma» durante il quale Lombardi si sarebbe vantato «di avere trovato una soluzione e di avere fatto risparmiare un sacco di soldi a Berlusconi».

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Agenzia Entrate | Corte di Cassazione | Enrico Altieri | Flavio Carboni | Giovanni Prestipino | Italia | Martino Arcangelo | Mondadori | Pasquale Lombardi | Pubblica Amministrazione | Reati | Renato Borzone | Vincenzo Carbone

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da