Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 07 giugno 2011 alle ore 13:13.

My24
(Ansa)(Ansa)

Angelo Dario Scotti, presidente e ad del gruppo Scotti Riso, è da questa mattina agli arresti domiciliari nell'ambito di una inchiesta sulla centrale elettrica della Scotti a Pavia. Secondo l'accusa nella centrale venivano bruciati rifiuti, anche pericolosi, al posto di biomasse. Scotti è accusato di corruzione, frode a ente pubblico, frode in forniture pubbliche e traffico di rifiuti.

Nell'ambito della stessa inchiesta, questa mattina sono raggiunti da un provvedimento di custodia cautelare anche tre funzionari del Gse (Gestore servizi energetici), la società pubblica che ha il compito di gestire la produzione di elettricità di fonti rinnovabili.

L'inchiesta era stata aperta dalla procura di Pavia l'estate scorsa. E' stata trasmessa alla Dda di Milano, per la competenza dell'ufficio che riguarda il traffico illecito di rifiuti, alla quale sono stati applicati i due magistrati di Pavia che avevano aperto il fascicolo. Gli arresti, su ordinanza del Gip del tribunale di Milano Stefania Donadeo, sono stati eseguiti dalla Guardia Forestale di Pavia.

Il Corpo Forestale dello Stato, si legge in una nota, in collaborazione con personale della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato di Roma ha dato esecuzione, nella mattinata odierna, alla misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di una persona: Franco Centili, funzionario del Gestore dei servizi energetici di Roma, e alle misure degli arresti domiciliari nei confronti di, Angelo Dario Scotti, vice presidente del CdA di Riso Scotti Energia, nonché presidente e amministratore delegato di Riso Scotti, controllante di Rse, Andrea Raffaelli, funzionario del Gse di Roma, Elio Nicola Ostellino, consulente esterno di Assoelettrica, Nicola Farina, commercialista di fiducia del Gruppo Scotti con studio in Milano.

Ai soggetti interessati dalla misura, raggiunti presso i loro domicili in Lombardia, Piemonte e Lazio, vengono contestati i reati di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, truffa ai danni di ente pubblico, frode in pubbliche forniture, corruzione per atti contrari ai doveri dell'ufficio, e altre condotte illecite, commessi nel territorio pavese e altrove nel periodo compreso tra gli anni 2005 e 2010.

Le stesse violazioni di legge sono contestate ad altri funzionari pubblici e soggetti privati. A carico degli indagati l'autorità giudiziaria ha disposto il sequestro preventivo di somme di denaro e altre utilità, per un valore equivalente ai profitti derivanti dalla commissione dei reati, pari a circa 17 milioni di euro. L'inchiesta é condotta dai magistrati di Pavia Roberto Valli e Paolo Mazza che, per il procedimento in questione, sono stati applicati alla Dda di Milano.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi