Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 aprile 2012 alle ore 13:38.

My24

Ansaldo Sistemi Industriali spa (Asi), passa dal fondo americano Patriarch al colosso giapponese dei motori per applicazioni domestiche e industriali Nidec corporation (quotata alla Borsa di New York). L'operazione, che è stata chiusa l'altra notte, prevede l'acquisizione cash dell'azienda italiana, da parte dei giapponesi, per un valore tenuto riservato ma che, secondo accreditati rumors di mercato, si aggira intorno ai 380 milioni di euro.
Lynn Tilton, ceo di Patriarch Partners (fondo specializzato nell'acquisizione e rilancio di aziende in difficoltà), ha siglato la cessione dell'azienda ex Finmeccanica, specializzata nei motori industriali (e con stabilimenti a Milano, Genova, Monfalcone e Montebello), con l'appoggio dell'attuale management di Asi.

Claudio Andrea Gemme, ad di Ansaldo sistemi industriali spiega: "L'acquisizione da parte di un gruppo di primaria importanza e di elevato potenziale tecnologico apre interessanti prospettive di sinergia e complementarietà di prodotti, che ci consentirà di competere con maggiore forza nei mercati internazionali, in un momento particolarmente delicato della congiuntura economica mondiale".
Determinanti ai fini dell'acquisizione, chiarisce Gemma, sono stati "i risultati e gli obiettivi che Asi ha perseguito negli ultimi anni e che sono stati confermati nel bilancio al 31 dicembre 2011", che l'assemblea degli azionisti ha approvato nei giorni scorsi.
Il valore della produzione ammonta a 304 milioni di euro; l'Ebitda è pari a 26 milioni; il risultato netto è di 8,9 milioni; il patrimonio netto, incluso il risultato netto, si attesta a 57,8 milioni.

"Inoltre - conclude Gemme - l'accordo siglato è destinato a sostenere e valorizzare ulteriormente l'attuale struttura organizzativa, produttiva e direzionale, che sarà pienamente riconfermata dalla nuova proprietà. In particolare, il settore commerciale, i cui mercati di riferimento sono confermati, potrà trarre in futuro benefici offerti dalle sinergie derivanti dall'integrazione con la rete commerciale di Nidec, maggiormente presente proprio in quelle aree in cui oggi Asi non ha una sufficiente articolazione di rappresentanza".
Da parte sua Asi, spiega un comunicato di Nidec, consentirà al gruppo giapponese di "accelerare il suo posizionamento globale nel settore dei motori industriali grazie all'apporto di una struttura commerciale in mercati (Europa, Cina, India, Russia e Medio Oriente) nei quali Nmc (azienda di motori industriali, che opera in Nord e Sud America, acquisita da Nidec nel 2010, ndr) non ha attualmente un presidio apprezzabile. Nel breve termine, la società punta a incrementare le vendite attraverso la concomitanza di utilizzo dei marchi esistenti e l'accesso ai canali commerciali di Nmc e Asi, per poi sviluppare nuovi clienti e mercati nel medio termine".

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi