ILSOLE24ORE.COM > Notizie Finanza e Mercati ARCHIVIO

Draghi: «Sui mutui i tassi più alti d'Europa»

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
11 luglio 2007

La relazione del presidente Abi Corrado Faissola
L'intervento di Draghi
RADIO 24/ Uno stralcio dell'intervento del Governatore della Banca d'Italia Mario Draghi
L'intervento di Padoa-Schioppa

«Sia per i mutui che per il credito al consumo i tassi di interesse praticati dalle banche in Italia sono più elevati rispetto a quelli medi dell'area euro su operazioni simili». Lo afferma il Governatore di Bankitalia, Mario Draghi, nel suo discorso all'assemblea dell'Abi.

Le fusioni
Le banche protagoniste delle ultime grandi fusioni devono realizzare senza indugi i guadagni di efficienza che il mercato si attende. «Non c'è tempo da perdere» afferma il Governatore della Banca d'Italia; è un lavoro complesso «il rischio di resistenze e ritardi è forte». Draghi raccomanda la massima compattezza del management e il «massimo riserbo» ai vertici aziendali nella comunicazione esterna.
Secondo il Governatore «il consolidamento delle banche è solo un punto di partenza. Il riassetto potrà dirsi compiuto con successo quando si saranno realizzati i guadagni di efficienza previsti dai piani industriali. Il mercato si aspetta risparmi dall'unificazionde delle piattaforme tecnologiche, dall'integrazione dei canali distributivi, dall'aumento della produttività del lavoro». «L'esperienza del passato - aggiunge il numero uno di Via Nazionale - mostra quanto sia complesso mettere in comune strutture organizzative, tecnologiche, reti, culture aziendali; il rischio di resistenze e di ritardi è forte. Occorre la massima compattezza nei management aziendali, il massimo riserbo nella comunicazione esterna. Non c'è tempo da perdere».

La vicenda Italease
Bankitalia è «intervenuta» e segue «con la massima attenzione» la vicenda Italease. Parlando all'assemblea Abi, Mario Draghi sottolinea che «spingere i clienti ad assumere rischi finanziari anzichè a coprirli, accresce il rischio di controparte e di reputazione, con possibili perdite cospicue» e fa emergere «rischi legali e di reputazione» che possono metterne «in discussione la stabilità». Un caso, quello di Italease, è «sotto i nostri occhi».

Borsa Spa
Mario Draghi promuove l'integrazione tra Borsa Italiana e LSE. Piazza Affari, dice, ha «assunto concrete iniziative» per valorizzare «i propri punti di forza» e cogliere i «benefici dell'integrazione in una realtà globale». Questa apertura è «un fatto decisamente positivo» anche se, sottolinea Draghi, Bankitalia «indica quella che ritiene la giusta direzione di marcia» e «non cerca di determinare chi debbano essere i compagni di viaggio».

La trasparenza
Le banche realizzino concreti progressi sul fronte della trasparenza delle condizioni applicate alla clientela, esorta il Governatore della Banca d'Italia, che prende atto con favore del piano d'azione sulla trasparenza adottato dall'Abi e ribadisce che le liberalizzazioni, positive, devono tuttavia lasciare spazio all'autoregolamentazione.
La banche italiane devono migliorare i tempi, i costi e la qualità dei servizi di pagamenti offerti alla clientela. Mario Draghi si concentra in particolare anche sugli assegni e segnala che «per il perfezionamento di un pagamento con assegno si richiedono ancora in media 7 giorni». Una modifica legislativa che «facilitasse la trasmissione digitale dell'immagine - dice - consentirebbe una significativa riduzione».

Le liberalizzazioni
La Banca d' Italia «guarda con favore alla finalità» degli interventi previsti dalle leggi di liberalizzazioni per il settore bancario «anche se ha sollevato dubbi su taluni aspetti tecnici»: la cancellazione delle penali sull'estinzione anticipata dei mutui a tasso fisso, ad esempio, può comportare ad un aumento del tassi richiesti. Così il governatore della Banca d'Italia affronta il nodo delle liberalizzazioni chiedendo in particolare «di lasciare lo spazio necessario alla regolamentazione secondaria e all'autoregolamentazione». Draghi parla sia della portabilità dei conti correnti, sia della cancellazione delle penali per l'estinzione dei mutui. «Per i conti correnti - dice - le nuove norme hanno dato adito a difficoltà interpretative e i progressi sono insufficienti: non ne è ancora assicurata la completa portabilità. Per i mutui a tasso fisso il divieto di penai per l'estinzione anticipata può comportare un innalzamento del tasso richiesto dalle banche: l'estinzione anticipata rappresenta infatti un'opzione implicita a favore del debitore e perciò ha un costo finanziario».

Le norme Bankitalia sulla governance
«Verranno emanate norme specifiche in materia di governance delle banche». Lo ha annunciato il governatore di Bankitalia, Mario Draghi, nel corso della sua relazione all'Abi dopo aver ricordato che «una condizione del successo dell'integrazione è la qualità del governo societario». E a questo proposito Draghi raccomanda «chiarezza degli obiettivi, razionalità nella divisione della responsabilità» allo scopo di «orientare le scelte». La banca centrale, osserva Draghi, «è attenta e attiva; continuerà a vigilare sulle soluzioni adottate, sul modo di operare degli organi sociali, assicurandone il buon funzionamento ai fini della sana e prudente gestione, intervenendo tutte le volte che sarà necessario».

La riforma delle popolari
«Non si tratta di fare guerre di ideologia o religione, ma a coloro che ancora privilegiano il mantenimento degli equilibri esistenti non cesserò di ricordare i benefici di una riforma che rimuova, soprattutto per le aziende più grandi e quotate in borsa, le maggiori anomalie di un ordinamento adatto a realtà locali di piccola dimensione».
Così, nel corso della sua relazione all'assemblea annuale dell'Abi,Mario Draghi, torna sul tema della riforma della governance delle banche popolari, il cui fine, «credo condiviso, è liberarne tutte le straordinarie potenzialità, assicurare la piena rappresentatività degli organi di Governo, non stravolgerne le finalità mutualistiche». Secondo Draghi, «occorre interrogarsi sulla conformità alle regole di mercato di meccanismi di formazione della volontà sociale che consentono a esigue minoranze di condizionare decisioni strategiche per la società».

L'economia dell'area Euro
Nel II trimestre del 2007 la crescita del Pil dovrebbe essersi attestata attorno al 2% in ragione annua». Lo ha detto Mario Draghi, Governatore della Banca d'Italia nel suo intervento all'Abi riferendosi all'economia dell'area Euro. «Da gennaio - ha aggiunto - l'inflazione è poco al di sotto del 2%; potrà superare temporaneamente questo valore nei prossimi mesi, risentendo del recente rincaro dei prodotti.

La conciliazione delle controversie
La Banca d'Italia dovrà presentare al Cicr una proposta per regolare la soluzione stragiudiziale delle controversie sui contratti bancari. Lo ha rivelato il Governatore della Banca d'Italia preannunciando una consultazione con gli operatori e gli utenti. La proposta si baserà sull'esperienza maturata in Italia e assicurerà che gli organi giudicanti «siano non solo indipendenti ma anche chiaramente percepiti come tali». Per il successo dell'iniziativa è necessaria la convinta adesione delle associazioni degli intermediari.

Padoa-Schioppa alle banche: «Serve un servizio più attento alla clientela»
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
7 maggio 2010
 
L'età dell'oro delle monete
Il Senato Usa processa Goldman Sachs
Tragedia greca. Fotoracconto
La top ten delle aziende Usa secondo Fortune
Geronzi dalle banche romane al leone di Trieste
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-