Economia

Porto Taranto, cassa in deroga: soluzione ponte per i 520 di Tct

  • Abbonati
  • Accedi
logistica

Porto Taranto, cassa in deroga: soluzione ponte per i 520 di Tct

(Tips)
(Tips)

Non andranno in mobilit dal 12 settembre ma verr molto probabilmente prorogata la cassa integrazione sino a fine anno, e sar in deroga, ai 520 addetti di Taranto terminal container. la societ che sino all’anno scorso ha avuto in concessione la banchina del molo polisettoriale del porto di Taranto e che a giugno 2015 stata messa in liquidazione dagli azionisti.
In un vertice al ministero del Lavoro, presieduto dal sottosegretario Franca Biondelli, emersa la possibilit di prorogare la cassa integrazione dalla scadenza prevista, 11 settembre prossimo, sino all’avvio, l’1 gennaio 2017, della nuova agenzia nazionale di somministrazione che prender in carico i lavoratori delle aree portuali di Taranto, Gioia Tauro e Cagliari.

La proroga della cassa di tre mesi e mezzo la soluzione ponte individuata per agganciare l’avvio dell’agenzia di somministrazione ed evitare che i 520 finiscano in mobilit.
Per attivare la cassa in deroga, per, servono risorse. Il costo della copertura sino a fine anno stimato in 3,5 milioni e la Regione Puglia, che era presente all’incontro col sottosegretario, ha detto di disporre solo di 850 mila euro. Il resto andr quindi reperito altrove, nel canale Stato, e il ministero si detto disposto a concorrere. Gi nella prossima settimana potrebbe essere firmato l’accordo. Il tempo di fare le ultime verifiche e per i liquidatori di Tct di sentire gli azionisti della societ, tra cui c’ la compagnia Evergreen. E’ invece slittata dal 20 al 27 luglio la firma dell’accordo di programma preliminare all’avvio da gennaio prossimo dell’agenzia nazionale di somministrazione. La struttura, pubblica, prender in carico i lavoratori dei bacini portuali di Taranto, Gioia Tauro e Cagliari impegnandosi a ricollocarli in nuove attivit nell’arco di 36 mesi. Il ricorso all’agenzia valutato positivamente dai sindacati. Resta invece confermata per il 29 luglio la presentazione da parte del consorzio Ulisse - nel quale c’ anche Saga Italia, emissione del gruppo internazionale Bollor - dell’offerta definitiva all’Autorit portuale di Taranto per l’acquisizione in concessione della banchina del molo ex Taranto container terminal. Scartata l’offerta della societ Italcave, il consorzio Ulisse al momento l’unico ufficialmente in corsa per la banchina del terminal, anche se fonti sindacali parlano di interesse da parte di altri, importanti operatori ma fuori bando.
Il ministro dei Trasporti e delle infrastrutture, Graziano Delrio, ha intanto riconfermato Sergio Prete commissario straordinario del porto di Taranto. Il decreto del ministro vale dal 15 luglio per un periodo di sei mesi e comunque sino al completamento del progetto di riforma della portualit con l’insediamento dei nuovi presidenti. Prete ha gi svolto la funzione di presidente dell’Autorit portuale di Taranto. La proroga a commissario la terza dall’insediamento in questa funzione. Prete anche commissario per alcune opere portuali in base alla legge 20 di marzo 2015 relativa a interventi per l’Ilva e per Taranto. In base al ridisegno delle Autorit portuali, Taranto rester Autorit di sistema insieme a Bari, che sar l’altra Autorit di sistema in Puglia.
Infine anche giugno conferma per il porto il trend di crescita di inizio 2016. Lo scorso mese, infatti, l’incremento totale del traffico merci stato del 33,8 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente per un totale di 2.243.155 tonnellate (+566.536 tonnellate). L’incremento maggiore stato registrato dalle rinfuse solide con un aumento del 65,9 (+497.805 tonnellate). Il movimento di rinfuse liquide, invece, ha registrato una contrazione con una variazione pari a -4,6 (-22.863 tonnellate). Cresciuto pure il traffico di merci varie del 21 per cento (+91.594 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2015.

© Riproduzione riservata