Economia

Dossier A Milano «nasce» il medico-ingegnere: doppia laurea da…

  • Abbonati
  • Accedi
    Dossier | N. 37 articoli I lavori del futuro

    A Milano «nasce» il medico-ingegnere: doppia laurea da Politecnico e Humanitas

    Arriva il medico-ingegnere: esperto di medicina di precisione, terapie geniche, ma anche di intelligenza artificiale, neuro-robotica e big data. Tutti temi con cui i futuri medici camici bianchi si troveranno sempre più a confrontarsi quotidianamente e che dovranno saper gestire al meglio per il bene del paziente.

    Da una partnership tra Humanitas University e Politecnico di Milano è stato messo a punto Medtec School, un nuovo corso di Laurea internazionale in Medicina, che integra e potenzia le competenze della figura professionale del medico chirurgo con quelle tipiche dell'Ingegneria Biomedica. Un corso che, secondo gli organizzatori, «per caratteristiche e durata, è oggi unico al mondo».
    Il corso e gli obiettivi
    Il nuovo corso di laurea, in lingua inglese, offre un percorso formativo di 6 anni: l’obiettivo è formare medici in grado di comprendere a fondo e gestire consapevolmente le tecnologie avanzate che caratterizzano – e sempre più caratterizzeranno in futuro - la professione medica, per offrire ai pazienti cure innovative e personalizzate.

    Al termine del percorso di studi, i laureati in medicina potranno richiedere al Politecnico il rilascio anche della Laurea triennale in Ingegneria Biomedica, per poi proseguire secondo la loro vocazione: nella pratica medica nelle Scuole di Specializzazione, nella ricerca medica e ingegneristica con PhD tecnici o direttamente nell'industria.

    Sono 50 i posti disponibili per anno. L'appuntamento con il test d’ingresso è il 6 settembre 2019. Il test, interamente in lingua inglese, è volto a cogliere l'attitudine e la propensione dei candidati allo studio sia delle life science tipiche della medicina che delle hard science tipiche dell'ingegneria.

    © Riproduzione riservata