ILSOLE24ORE.COM > Notizie Tecnologia e Business ARCHIVIO

Hp taglia 24.600 posti di lavoro. Ma la sfida nei servizi continua

di Gianni Rusconi

commenti - |  Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci
16 settembre 2008

Il gigante informatico americano ha annunciato tagli in vari ambiti aziendali a valle del recente perfezionamento dell'acquisizione di Eds. Circa metà degli esuberi è negli Stati Uniti.

Fragorosa ma prevedibile. Hp, il più grande costruttore di personal computer al mondo e aspirante prima forza (ma c'è di mezzo una certa Ibm) nell'ambito dei servizi It, ha calato la scure su 24.600 posti di lavoro, di cui la metà circa negli Stati Uniti. Il sacrificio, annunciato ieri in serata dal Ceo della società californiana Mark Hurd, i materializzerà in tre anni in vari ambiti aziendali e arriva a valle del recente perfezionamento dell'acquisizione da oltre 13 miliardi di dollari di Eds (Electronic Data Systems, altro grande nome nel panorama dei servizi e della consulenza informatica): a perdere il posto sarà il 7,5% del totale degli occupati delle due aziende.

Hp ha altresì confermato che a bilancio potrà iscrivere risparmi pari a 1,8 miliardi di dollari l'anno, da reinvestire in altre attività. La prima risposta avuta dal mercato finanziario è stata positiva: dopo l'annuncio, il titolo ha guadagnato ieri 37 centesimi a Wall Street, arrivando a 45.70 dollari (la flessione delle azioni Hp è stata però del 10% dall'inizio dell'anno). Niente di nuovo sotto il sole, all'apparenza.
La storia recente dell'hi-tech insegna che dopo una mega fusione scattano i piani di ridimensionamento del personale; è accaduto per esempio a Oracle, a valle dei suoi innumerevoli di software vendor (Jd Edwards, PeopleSoft, Siebel) e alla stessa Hp, quando anni addietro si comprò Compaq. In una nota, la compagnia di Palo Alto ha inoltre specificato che metà degli addetti saranno licenziati a varie riprese entro la fine dell'esercizio fiscale 2009 (ottobre del prossimo anno) e che almeno 12.000 adetti verranno reimpiegati (o assunti ex novo) entro i prossimi tre anni per creare una "workforce" su scala globale focalizzata sui servizi.
Oggi come allora (il merger con Compaq costò il posto a 16.800 dipendenti, crica l'11% della forza di lavoro), a Palo Alto hanno deciso di procedere sull'unica via possibile per ridurre i costi fissi in tempi brevi - tagliare la forza lavoro - e dare sostanza ai programmi di crescita del business. Abbiamo bisogno di rendere la struttura costi di Eds più competitiva, dicono i vertici di Hp, e sul fatto che la scalata ad Eds sia vitale per la società nel lungo termine si è espresso a chiare lettere Hurd in persona.
«Abbiamo – ha sentenziato ai media il Ceo – le più ampia disponibilità tecnologica del mercato per soddisfare i requisiti dei nostri clienti oggi e in futuro. Hp ha acquisito 30 società negli ultimi quattro anni e sono stati ottimi investimenti. Il deal con Eds produrrà sinergie e benefici che ci permetteranno di catturare posizioni di leadership nel grande mercato dell'enterprise It». L'azione di rimpasto che il colosso di Palo Alto si appresta a compiere è stata quindi spiegata più chiaramente da Ann Livermore, vice presidente del Technology Solutions Group (divisione che porta nelle casse della società circa 38 degli oltre 100 miliardi di dollari di ricavi): «alla fine del fiscal year 2009 – ha detto – avremo una forza lavoro che lavorerà sui clienti doppia rispetto a quella impiegata nell'area It».

La cura dimagrante a cui la società si è sottoposta dal 2005 in avanti trova quindi nella forbice di cui sopra il suo culmine: meno macchine (server) e meno applicazioni per alimentare i propri sistemi e più efficienza nei reparti amministrazione e procurement liberano persone da dedicare ad attività a più elevato valore aggiunto. Una filosofia che Hp vuole replicare pari pari nelle grandi aziende sue clienti con un'offerta di servizi e soluzioni It (compresa la gestione in outsourcing di reti e data center) mai stata così ampia.
La sfida che Hurd ha raccolto nel 2005 dopo essersi insediato (tagliano immediatamente 15.000 dipendenti) al posto di Carly Fiorina è quindi giunta a una svolta. I margini di profitto di Eds vanno subito riportati in alto e quelli della divisione servizi interna ulteriormente consolidati: il rapporto fra gli utili per dipendente delle due aziende è stato nel 2007 di uno a otto a favore di Hp e l'obiettivo primario è quello di far salire i profitti lordi della prima fra il 6 e il 7% dei ricavi, e cioè circa la metà di quelli di cui si accredita la società californiana.

Il dato combinato, invece, è stimato nell'ordine del 10% alla fine dell'esercizio 2009 e intorno al 15% in proiezione, mentre i ricavi dovrebbero crescere anno su anno dal 4 al 6%. Obiettivi più che ambiziosi, quindi. Oggi i servizi incidono sul business di Hp nella misura del 17% (i dati si riferiscono all'ultimo trimestre fiscale) e con gli asset di Eds il gigante di Palo Alto si trova catapultata in seconda posizione nel mercato dei servizi informatici alle spalle di Ibm.

Ma il punto è proprio questo: Hp riuscirà a scalzare Big Blue dal trono? La domanda ricorre da tempo nelle discussioni degli analisti di settore e sono molti coloro che ricordano come la società californiana abbia perso otto anni fa la grande occasione – forse l'errore più grande della Fiorina - di mettere le mani su PricewaterhouseCoopers, poi passata due anni più tardi sotto il cappello di Ibm per 3,5 miliardi di dollari. Oggi la casa di Armonk ha un'identità di "service company" che Hp ancora non può vantare nonostante tutti gli sforzi fatti. Il jolly Eds è forse l'ultima chance per fare il definitivo salto in avanti in questa direzione ma le inevitabili difficoltà legate all'integrazione (e al dover riportare in auge conti non esattamente brillantissimi, come sono stati quelli della compagnia texana negli ultimi quattro anni) non sono un impegno da poco. Mark Hurd ha comunque dimostrato di avere i giusti attributi e quanto fatto con la divisione software (margini incrementati di 14 punti grazie ad acquisizioni mirate per 6,5 miliardi di dollari) ne è una prova evidente. La strada di Hp, questo è altrettanto certo, è quella dei servizi. Quello che non si può sapere è quanto tempo impiegherà per colmare il gap che la separa da Ibm, in quanto tempo riuscirà parimenti a guadagnare quote di mercato rispetto a un concorrente che ha un indubbio vantaggio: quello di essersi focalizzato su questo business otto anni fa..

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci Condividi su: Facebook FacebookTwitter Twitter|Vota su OkNotizie OKNOtizie|Altri YahooLinkedInWikio
L'informazione del Sole 24 Ore sul tuo cellulare
Abbonati a
Inserisci qui il tuo numero
   
L'informazione del Sole 24 Ore nella tua e-mail
Inscriviti alla NEWSLETTER   
Effettua il login o avvia la registrazione.


 
   
 
 
 

-UltimiSezione-

-
-
7 MAGGIO 2010
7 MAGGIO 2010
7 MAGGIO 2010
7 maggio 2010
 
L'Italia vista dal satellite
La domenica di sport
Sony Ericsson Xperia X10
Nokia N8
Si chiude l'era del floppy disk
 
 
Cerca quotazione - Tempo Reale  
- Listino personale
- Portfolio
- Euribor
 
 
Oggi + Inviati + Visti + Votati
 

-Annunci-